Il 30% delle aziende di proprietà di neri a New York è scomparso in 5 anni

Ufficio del controllore di New York / Via comptroller.nyc.gov

I quartieri in rapida espansione di New York hanno contribuito al boom economico della città negli ultimi 15 anni, con un aumento del 45% del numero di nuove vetrine e aziende. Ma quei guadagni economici non sono stati condivisi da tutti i residenti, secondo un nuovo rapporto dell'ufficio del controllore della città.



Dal 2007 al 2012, ad esempio, il numero di imprese di proprietà di neri nella città è diminuito di oltre il 30%, anche se la proprietà di imprese di neri è aumentata in altre grandi città del paese. Tra le 25 più grandi città degli Stati Uniti con oltre 500 aziende di proprietà di neri, New York è una delle sole tre a vedere un declino, insieme a Detroit e Jacksonville.

'Quando le aziende di proprietà dei neri declinano, sono allarmato. Quando i residenti locali hanno un prezzo fuori dai loro quartieri, sono frustrato. Dobbiamo fare di meglio', ha detto a estilltravel News il controllore di New York Scott Stringer. 'Dobbiamo concentrarci sulla creazione di ricchezza reale a livello di comunità. Quando parliamo di gentrificazione, non possiamo concentrarci solo sull'aumento degli affitti o sull'aumento del costo della vita, ma dobbiamo anche garantire che i residenti locali abbiano accesso a nuovi posti di lavoro locali.'



Ufficio del controllore di New York / Via comptroller.nyc.gov

Le ragioni del declino delle imprese di proprietà dei neri a New York includono il fatto che la comunità nera sta diventando una percentuale più piccola della popolazione complessiva della città, così come la forte esposizione degli imprenditori neri al settore della vendita al dettaglio, che è stato duramente colpito durante la crisi finanziaria e continua a affrontare grandi stress, secondo gli autori del rapporto.



Pur rappresentando il 22% della popolazione della città, i newyorkesi neri ora possiedono solo il 3% delle attività commerciali locali e il numero è peggiorato negli ultimi cinque anni, ad eccezione dei settori della sanità e dell'assistenza sociale.

La proprietà è diminuita nell'edilizia, nei servizi di alloggio e ristorazione e nei servizi professionali, scientifici e tecnici.

Ufficio del controllore di New York / Via comptroller.nyc.gov

'Il calo delle società di proprietà dei neri dimostra che i benefici della crescita economica non sono ampiamente distribuiti', ha affermato Stringer.



E anche se New York City ha visto un aumento del numero complessivo di imprese di proprietà di minoranze, quelle imprese rappresentano ancora una piccola quota dell'occupazione totale e delle entrate. Le minoranze possiedono oltre il 33% di tutte le imprese cittadine che impiegano persone, ma impiegano poco più del 20% della forza lavoro della città e rappresentano solo il 16% delle entrate, osserva il rapporto.

Allo stesso tempo, il numero di minoranze non dipendenti – liberi professionisti o imprese domiciliari prive di personalità giuridica – è aumentato di oltre il 30% in tutta la città. I maggiori incrementi complessivi nella crescita del business si sono verificati a Central Harlem (90%) e Crown Heights North/Prospect Heights (84%), due quartieri classificati dall'ufficio come 'gentrificanti'.

Anche Prospect Lefferts, Greenpoint e Williamsburg hanno visto una crescita del business di oltre il 60% in quegli anni.

Ufficio del controllore di New York / Via comptroller.nyc.gov