Un centro islamico vicino a Orlando è stato vandalizzato

Ahlulbayt: documentari

Il Centro Islamico Husseini a Sanford, Florida.



Una moschea appena fuori Orlando, in Florida, è stata vandalizzata lunedì, hanno detto le autorità dopo che l'hashtag #StopTheHate è stato scoperto all'esterno dell'edificio.

L'ufficio dello sceriffo della contea di Seminole ha risposto a una chiamata lunedì pomeriggio dopo che qualcuno al Centro islamico Husseini di Sanford ha notato i graffiti, ha detto a estilltravel News Kim Cannaday, un ufficiale dell'ufficio dello sceriffo.



Questo è tutto ciò che dobbiamo fare a questo punto, ma crediamo che sia successo dopo la mezzanotte, ha detto Cannaday.

Notizie sui testimoni oculari di WFTV @WFTV

Scoperto vandalismo sui muri esterni del Centro Islamico Husseini a Sanford #WFTV #OrlandoShooting

20:47 - 13 giugno 2016 rispondere Retweet Preferito



Il centro ha assunto la sicurezza privata per l'edificio dopo il massacro di Orlando, ma la guardia se n'è andata alle 2 del mattino, secondo il rapporto sull'incidente.

Il centro si trova a soli 20 miglia da Orlando, dove Omar Mateen ha aperto il fuoco al nightclub Pulse domenica mattina, uccidendo 49 persone e ferendone 53. È morto in uno scontro a fuoco con la polizia.



In un dichiarazione postato su Facebook domenica, lo stesso giorno del massacro di Orlando, il centro ha condannato gli atti di Mateen. I funzionari del centro hanno affermato di condividere il dolore e il dolore della nazione e di rimanere uniti alla comunità della Florida centrale e alla città di Orlando.

Le nostre più sentite condoglianze e preghiere vanno alle famiglie e alle persone care vittime di questa tragedia, si legge nel comunicato.

Un rappresentante del Centro islamico Husseini non ha risposto immediatamente alle molteplici richieste di commento.



Il centro, insieme ad altre organizzazioni musulmane, sta raccogliendo fondi per i bisogni immediati e a breve termine delle famiglie in lutto, secondo un pagina di raccolta fondi . I membri hanno anche distribuito cibo e acqua a chi ha fatto la fila per donare il sangue per i feriti.

A marzo, i residenti locali si sono arrabbiati quando il dottor Farrokh Sekaleshfar, uno studioso islamico sciita, ha tenuto un discorso al centro sui problemi delle donne, incluso un discorso intitolato Come affrontare il fenomeno dell'omosessualità, secondo un rapporto dalla stazione televisiva di Orlando WFTV.

Il rapporto mostrava anche Sekaleshfar tenere un discorso all'Università del Michigan, tre anni prima, sull'Islam e l'omosessualità. Per quanto riguarda l'omosessualità nell'Islam, ha detto, la morte è la sentenza. Non c'è niente di cui imbarazzarsi per questo. La morte è la sentenza.

Nel video di 91 minuti, che è pubblicato online , Sekaleshfar espone le sue varie interpretazioni della legge islamica sull'omosessualità. A un certo punto, ha detto che l'atto di omosessualità stesso dovrebbe essere odiato, e non la persona. Ha detto che le persone che si impegnano in atti omosessuali dovrebbero ancora essere considerate musulmane.

quandoFusionegli ha chiesto del WFTV rapporto , Sekaleshfar ha detto che le sue parole sono state prese fuori contesto: non ho mai chiamato una condanna a morte.

Sekaleshfar non ha risposto immediatamente alle richieste di commento di estilltravel News.

Lo ha detto anche un rappresentante del centroFusionela direzione non era a conoscenza di queste osservazioni quando è stato invitato.

Si prega di comprendere che le opinioni singolari degli oratori ospiti non rappresentano quelle del Centro islamico Husseini, ha detto il rappresentanteFusione. 'Vogliamo ribadire che niente, assolutamente niente, può giustificare le azioni atroci di ieri'.

Quando gli è stato chiesto dell'attacco al nightclub Pulse, Sekaleshfar ha detto: Sono totalmente contrario all'atto barbaro di violenza che è avvenuto. In nessun modo un simile omicidio può essere giustificato islamicamente.

Ha anche chiamato Mateen, il tiratore, un'entità animale malata e perversa che ha abusato di un'ideologia per saziare i suoi desideri tristi e contorti.

Immagine in miniatura da Ahlulbayt: documentari .