Ritorno agli anni '90: la campagna di Hillary Clinton con 'Clinton Democrat'

Seth Wenig / AP Photo

Il rappresentante Sean Maloney cede il palco a Hillary Rodham Clinton durante un evento 'Women for Maloney' a Somers, New York, lunedì.



SOMERS, New York — Quando Sean Patrick Maloney è salito sul palco lunedì a un raduno della contea di Westchester con il suo vecchio capo, 'Don't Stop' dei Fleetwood Mac, la sigla della prima campagna presidenziale di Bill Clinton, ha riempito la sala dei banchetti.

Non fermarti, pensando al domani.
Non fermarti, presto sarà qui.



Quando la folla lo ha salutato a Heritage Hills, un complesso di condomini in questa città di New York di medie dimensioni, hanno alzato cartelli con la scritta 'Clinton Democratico per il Congresso'.



E quando Maloney, in corsa per un secondo mandato alla Camera dei Rappresentanti, ha concluso il suo discorso qui, ha invocato una serie di battute leggendarie della corsa del 1992. 'Credo in un posto chiamato Hope', disse Maloney. 'Credo nell'attraversare quel ponte verso il 21° secolo. E non smetteremo di pensare al domani».

Quando Maloney ha presentato il suo headliner, Hillary Clinton, aveva chiarito abbastanza il punto: 'L'ho detto prima e lo dirò di nuovo. Sono un democratico di Clinton.'

Maloney, ex membro dello staff della campagna elettorale di Clinton e assistente anziano della Casa Bianca, ha radunato la folla a Somers con ripetuti riferimenti all'ex prima famiglia e al distinto marchio politico che hanno portato al Partito Democratico nei primi anni '90.



Il discorso è stato un po' una distorsione temporale. Ma ha anche dimostrato che le idee alla base della campagna del 1992, che Maloney ha delineato nel suo discorso, potrebbero ancora tradursi più di due decenni dopo sul ceppo per lui e per Clinton.

Anche se l'ex segretario e senatore di New York si è mossa verso l'abbraccio di un messaggio più esplicitamente progressista rispetto al mix di centrismo e populismo che ha definito la prima candidatura alla Casa Bianca di suo marito, ha intrecciato il discorso che ha usato sulle tracce questo mese con una manciata di di temi di quella prima campagna.

Ad esempio: quando Maloney ha chiuso il suo discorso con un linguaggio che Bill Clinton ha preso nazionale nel 1991 - la troika dei valori 'fondamentali e duraturi': 'opportunità per tutti, responsabilità di tutti, in una comunità di tutti' - Clinton è tornato alla linea in le sue stesse osservazioni.



'Ho adorato quello che hai detto alla fine', ha detto durante il suo discorso di 20 minuti. 'Quando abbiamo attraversato il nostro paese nel 1992, questo è esattamente il messaggio che Bill Clinton ha lanciato: opportunità, responsabilità, comunità. E proprio come Sean, ho avuto la fortuna di avere genitori che hanno lavorato duramente e mi hanno dato le opportunità e si aspettavano le responsabilità nella comunità in cui sono cresciuto.'

Clinton ha aggiunto che voleva assicurarsi che anche la sua 'preziosa nipote, Charlotte', nata alla fine del mese scorso, godesse degli stessi diritti.

Durante il suo discorso, Maloney ha ricordato il suo trasferimento in Arkansas all'inizio del 1992 per lavorare per Hillary Clinton nella campagna. Ha messo tutto ciò che possedeva nel suo camioncino - 'Tutto', ha sottolineato. 'Non avevo futuro' e ha guidato per 1.300 miglia fino a Little Rock, dove ha sistemato il suo materasso sul pavimento di un'altra assistente, Susan Thomases. 'Facevo parte di quella che chiamavano Hillaryland.'

I Clinton, ha detto Maloney, 'parlavano del sogno di un'America prospera in cui la classe media avrebbe avuto successo, dove la classe media avrebbe prosperato'.

'E la gente, hanno reso quel sogno una realtà.'

La Clinton ha detto di ricordare di aver incontrato Maloney nel New Hampshire una notte nel 1992. Si è unito alla campagna, ha detto, perché credeva, 'come Bill e io, che avevamo bisogno di cambiamenti in America e che dovevamo mettere le persone al primo posto'.

'Sono orgoglioso di quanto Sean abbia lavorato duramente da allora - alla Casa Bianca, in altre posizioni importanti, ora al Congresso - per portare avanti quell'idea'.

Questo mese durante la campagna elettorale, dove ha perfezionato e affinato un discorso monco alle manifestazioni in circa una dozzina di stati, Clinton ha trovato una finestra sul dibattito sulla disuguaglianza economica attraverso questioni come la parità di retribuzione per le donne e un aumento del salario minimo. E ha abbracciato più consapevolmente parte del linguaggio populista associato alla senatrice Elizabeth Warren, una figura progressista.

Venerdì scorso è sembrato andare storto quando Clinton ha armeggiato una linea dicendo che 'le società e le imprese' non creano posti di lavoro. Ha chiarito durante il suo discorso a Somers che aveva 'a corto di personale' il punto. Le aziende che 'esternalizzano lavori o nascondono i loro profitti all'estero' non dovrebbero beneficiare di agevolazioni fiscali, ha affermato.

Lunedì, le argomentazioni economiche di Clinton sembravano molto più naturali, inquadrate attraverso l'obiettivo delle famiglie della classe media. È anche tornata a una linea familiare sull''economia a cascata', una teoria che lei e suo marito hanno denunciato a lungo. Ha fatto una prima campagna contro l'idea nel 1992.

'L'alternativa repubblicana è una teoria economica screditata che danneggerà le famiglie della classe media'. Maloney, ha aggiunto Clinton, 'sta per l'uguaglianza, l'uguaglianza di opportunità'.

'Dobbiamo occuparci della mobilità verso l'alto. Se lavori duro e fai la tua parte, tu e la tua famiglia dovreste poter avere una vita migliore.'

Maloney, uno dei pochi membri apertamente gay del Congresso, è in corsa contro Nan Hayworth, il repubblicano che ha battuto due anni fa per conquistare il suo seggio nel 18° distretto di New York.

Circa 150 persone, molti anziani residenti nel complesso residenziale, hanno riempito l'evento presso la sala ristorante di Heritage Hills. (I partecipanti non potevano andarsene fino a quando Clinton non avesse lasciato la sede, e due persone sono svenute in attesa della sua partenza, secondo un ufficiale di sicurezza che lavorava per l'evento.)

La Clinton dovrebbe continuare il suo tour per conto dei Democratici mercoledì, con due eventi elettorali per il rappresentante Bruce Braley, il candidato al senato degli Stati Uniti in Iowa. Giovedì, si dirigerà nel Maryland per il tenente governatore Anthony Brown, il candidato governatore locale. E sabato tornerà in Kentucky per assistere a due eventi con Alison Lundergan Grimes, un'altra amica di lunga data dei Clinton.

Maloney è l'unico singolo candidato alla Camera dei Rappresentanti che Clinton ha fatto campagna per questo autunno.

Chiesto in seguito dai giornalisti per definire 'Clinton Democratico', Maloney ha detto: 'Combattere per la classe media, raggiungere il corridoio e ottenere risultati bipartisan'.

Grimes, in corsa contro il senatore Mitch McConnell in Kentucky, si è anche definita una 'Clinton Democratica'. La sua famiglia è vicina ai Clinton da anni.

Maloney e i suoi vecchi capi sono rimasti vicini. I Clinton furono invitati al suo matrimonio. E Bill Clinton ha fatto una campagna per Maloney due anni fa.

La campagna del membro del Congresso ha detto lunedì che avevano in programma di lanciare un nuovo spot televisivo con il nastro di quell'evento con il 42esimo presidente.

Prima di chiudere il suo discorso lunedì, Maloney ha detto che quando le persone gli chiedono perché vuole lavorare nel governo, spesso risponde: 'Perché l'ho visto funzionare'.

'Ho visto lavorare i Clinton.'

Ruby Cramer / estilltravel / Via Twitter: @rubycramer