Bernie Sanders teme che l'impeachment possa portare Trump a dire che è vendicato

Joshua Lott / Getty Images

DAVENPORT, Iowa - Bernie Sanders ha fatto alcuni dei suoi commenti più incisivi a sostegno dell'impeachment di Donald Trump martedì, dicendo che riteneva che il presidente avesse commesso una serie di reati impeachable, ma ha anche espresso profondi dubbi sul sostegno a una mossa che potrebbe incoraggiare solo gli elettori repubblicani non avere successo al Congresso.



Basta, ha detto Sanders prima di ribadire la sua precedente richiesta di un'inchiesta di impeachment da parte della commissione giudiziaria della Camera dei rappresentanti.

Il senatore del Vermont, rispondendo alle domande in una conferenza stampa qui in Iowa martedì, ha rifiutato di impegnarsi a sostenere l'impeachment in caso di votazione al Senato, affermando che sarebbe irresponsabile farlo prima di rivedere le prove e i risultati che sarebbero venuti da un'inchiesta formale.



Credo che ci siano reati impeachable. Questo è il mio punto di vista. Ma il mio punto di vista non è abbastanza buono, ha detto Sanders, citando preoccupazioni per l'ostruzione della giustizia nell'indagine di Robert Mueller, possibili violazioni della clausola sugli emolumenti della Costituzione e le nuove accuse su Trump e l'Ucraina.



Mi capita di credere che ci siano motivi per farlo. Ma devi stenderlo.

Il nuovo tono sull'impeachment arriva dopo giorni di notizie su una telefonata che Trump ha avuto con il presidente dell'Ucraina a luglio che in parte riguardava Hunter Biden, il figlio di Joe Biden. Alla chiamata, Trump secondo quanto riferito premuto Il presidente Volodymyr Zelensky per indagare su Hunter Biden, che era stato nel consiglio di amministrazione di una società ucraina di gas naturale mentre suo padre era vicepresidente. Al momento della chiamata, che secondo quanto riferito ha sollevato gli allarmi di un informatore, gli Stati Uniti stavano trattenendo gli aiuti militari all'Ucraina, suscitando preoccupazioni sul fatto che l'aiuto fosse utilizzato come leva nel tentativo di Trump di danneggiare un rivale politico. Martedì Trump ha riconosciuto di aver ordinato che l'aiuto fosse trattenuto, ma ha detto ai giornalisti lo ha fatto perché voleva che l'Europa si facesse avanti e contribuisse di più.

Quando gli è stato chiesto se credeva che i Democratici dovessero evitare di intrufolarsi in domande su Hunter Biden – come quando ha detto agli elettori durante un dibattito del 2016 che preferirebbe parlare dei problemi che devono affrontare gli americani piuttosto che delle maledette e-mail di Hillary Clinton – Sanders ha detto che non ne sapeva abbastanza sull'argomento da commentare.



So di essere un po' all'antica. Mi piace vedere le prove prima di parlare delle cose. Ho letto i giornali e ho letto quello che ho letto, ha detto Sanders. Ma non so di saperne abbastanza a questo punto per fare una dichiarazione definitiva.'

Sanders, 78 anni, ha fatto le osservazioni in una conferenza stampa precedentemente programmata in cui avrebbe dovuto parlare della sua piattaforma di democrazia sul posto di lavoro. L'evento, tenutosi in un piccolo lodge a Davenport, Iowa, è stata la quinta tappa di un tour di due giorni di Bernie Beats Trump attraverso le contee che hanno votato per Barack Obama nel 2008 e nel 2016 prima di passare a Trump.

Sanders è stato più titubante di alcuni dei suoi rivali sull'impeachment, esprimendo preoccupazioni sul fatto che i Democratici della Camera debbano procedere con un voto di impeachment quando i repubblicani, dice, sosterrebbero Trump indipendentemente da ciò che potrebbe trovare un'inchiesta.



Ecco il dilemma che hai, ha detto Sanders ai giornalisti martedì. Ora non lo so, ti dirò che il mio istinto è che il repubblicano medio al Senato e alla Camera è totalmente intimidito dal presidente Trump. E a questo punto particolare, ho i miei dubbi, come tutti voi. Ho i miei dubbi che qualsiasi repubblicano, o pochissimi, voterebbe contro di lui.

La mia paura, ha detto Sanders, è che se un voto sull'impeachment fallisse nel Senato controllato dai repubblicani, dove avrebbe bisogno di un sostegno di due terzi per passare, lo so e tu sai cosa farà [Trump]: “Sono giustificato! … Sono vendicato!’ E penso che sia un fatto da tenere in considerazione.

Ma cosa fai quando hai un presidente che ha agito in modo incostituzionale? Se questi sono i risultati, ha aggiunto Sanders. Ripeto, non voglio giudicarlo. Penso che sia la faccia. Ma c'è un processo che deve avere luogo.

Alla fine di maggio, dopo la pubblicazione del rapporto di Robert Mueller sull'interferenza russa nelle elezioni del 2016, Sanders disse , potrebbe essere il momento almeno di avviare il processo attraverso il Comitato Giudiziario per determinare se ci siano o meno procedimenti di impeachment. Nell'affrontare l'argomento, il martedì e in occasione di eventi passati, Sanders è attento a sottolineare che sostiene l'impeachmentindagini– sebbene non necessariamente l'impeachment stesso – per determinare se Trump ha commesso o meno reati impeachabili, come ha affermato in una manifestazione elettorale in Nevada quest'estate.

Ha anche suggerito che Trump potrebbe voler essere messo sotto accusa perché sa che è improbabile che perda al Senato. Potrebbe pensare che per lui funzioni politicamente, ha detto Sanders a maggio.

Altri importanti candidati presidenziali democratici hanno intensificato la pressione sui democratici del Congresso per iniziare l'impeachment questa settimana. Elizabeth Warren, che ha sostenuto l'impeachment per mesi, chiamato complice del Congresso per non aver già avviato un procedimento contro Trump. Kamala Harris, che parla spesso di perseguire il caso contro Trump nella sua campagna, ha twittato lunedì sera che è ora di mettere sotto accusa. Biden si rivolgerà ai giornalisti martedì pomeriggio e è prevista per dire che il Congresso non ha altra scelta che mettere sotto accusa se il presidente non soddisfa le richieste del Congresso di informazioni relative alla chiamata in Ucraina e ad altre indagini.

Già questa settimana, un'ondata di democratici alla Camera è uscita a sostegno dell'impeachment di Trump, compresi i democratici del primo anno che hanno vinto nei distretti repubblicani lo scorso autunno. La presidente della Camera Nancy Pelosi dovrebbe rilasciare una dichiarazione sull'impeachment martedì sera, dopo gli incontri con altri alti democratici della Camera.

CORREZIONE

24 settembre 2019, alle 19:57

L'età di Sanders è stata erroneamente indicata in una versione precedente di questo post.

Altro sull'impeachment

  • La diga di impeachment di Nancy Pelosi si sta rompendoAddy Baird 24 settembre 2019