Bill Clinton afferma che la Fondazione vedrà dei cambiamenti se verrà eletta Hillary Clinton

David Mcnew / Getty Images

Clinton fa una campagna all'inizio di questo mese per sua moglie in California.



Bill Clinton ha detto martedì che apporterà 'alcuni cambiamenti' alla Fondazione Clinton se sua moglie diventasse presidente, in modo da evitare 'potenziali conflitti'.

Nella sua prima intervista in più di otto mesi, l'ex presidente ha detto a Bloomberg TV che lui e sua moglie si sarebbero assicurati che la fondazione potesse continuare il suo lavoro senza beneficiare o interferire con la Casa Bianca.



Se vincerà, dovremo pensarci. Ci sono chiaramente: la politica è diversa da quello che faccio, ha detto Bill Clinton nell'intervista, tenuta ad Atlanta come parte di CGI America, un evento annuale della Clinton Global Initiative. Devi stare attento a evitare potenziali conflitti effettivi.'



Ci penseremo molto chiaramente e faremo la cosa giusta, ha detto, e lo spiegheremo al popolo americano.

Clinton ha detto che lui e sua moglie, che martedì scorso si sono effettivamente assicurati la nomination democratica, per ora si aspetteranno di stabilire cosa comporteranno questi cambiamenti.

Primo, non credo nel contare le galline prima che si schiudano, ha detto. Vediamo come si svolge questa elezione. Ci saranno chiaramente alcuni cambiamenti e ciò che fa la Fondazione Clinton e come lo facciamo.



E dovremo attraversare quel ponte quando ci arriveremo.

Per i quattro anni in cui Hillary Clinton è stata Segretario di Stato, la fondazione ha accettato alcune restrizioni per evitare conflitti di interesse o l'apparenza di influenza. L'anno scorso, i funzionari hanno rivelato che la fondazione aveva continuato a farlo accettare finanziamenti da governi stranieri durante il mandato di Hillary Clinton al Dipartimento di Stato, inclusa una donazione in apparente violazione dell'accordo con l'amministrazione Obama.

Le domande sulla fondazione e sul nesso di potere, denaro e influenza che circonda l'ex prima coppia hanno già pesato sulla campagna di Clinton di quest'anno.



Donald Trump si è ripetutamente impadronito della Fondazione Clinton, caratterizzando l'iniziativa familiare come scandalosa e le sue connessioni come sgradevoli.

Lunedì, in un post su Facebook , ha invitato i Clinton a restituire immediatamente le donazioni dall'Arabia Saudita. Fin dalla sua fondazione, la fondazione ha accettato da $ 10 a $ 25 milioni dal Regno dell'Arabia Saudita, secondo il Wall Street Journal.

Martedì, Bill Clinton ha descritto il lavoro della fondazione in termini semplici: 'Cerco solo di riunire i partner e fare in modo che accada qualcosa di buono'.