Gli azionisti di Chiquita vanno alle banane e rifiutano il fruttato accordo fiscale irlandese

Guillermo Granja / Reuters

L'accordo di un'altra società americana per inghiottire un rivale più piccolo e trasferire la sua sede fiscale all'estero è fallito quando gli azionisti del gigante delle banane Chiquita hanno votato contro un accordo per acquistare l'importatore e distributore irlandese di frutta Fyffes. Chiquita ha annunciato il voto questa mattina alla sua riunione speciale a Charlotte, nella Carolina del Nord, per decidere l'accordo.



Resta l'unica offerta di una società di succo d'arancia brasiliana e di una banca, il Gruppo Cutrale e il Gruppo Safra, la cui ultima offerta è di 14,50 dollari per azione, in aumento rispetto all'ultima offerta rivista di 14 dollari per azione. Il Gruppo Cutrale è un grande attore nel business globale del succo d'arancia e fornisce succo d'arancia per i marchi Minute Maid e Simply Orange Juice di Coca-Cola. A $ 14,50, Chiquita varrebbe $ 680 milioni. Le azioni di Chiquita sono aumentate del 3,56% a 14,25 dollari. Le azioni di Fyffes sono scese di oltre il 5%.

'Apprezziamo la considerazione e le prospettive di tutti gli azionisti Chiquita che hanno partecipato a questo processo', ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di Chiquita Edward Lonergan in una nota. 'Visti i risultati di oggi, abbiamo deciso di rescindere l'accordo con Fyffes e di impegnarci con Cutrale/Safra in merito alla sua offerta rivista'.



L'accordo con Fyffes era stato a lungo in dubbio e ha ricevuto un altro colpo giovedì quando il proxy advisor Institutional Shareholder Services ha raccomandato agli azionisti di Chiquita di rifiutarlo. In base all'accordo, la società combinata, di proprietà di maggioranza degli azionisti di Chiquita, avrebbe spostato la sua sede globale a Dublino, che ha imposte societarie più basse e un trattamento più favorevole dei profitti realizzati all'estero. L'accordo originale, annunciato a marzo, avrebbe creato un colosso della frutta con 32.000 dipendenti e 4,6 miliardi di dollari di fatturato annuo.



Questo è l'ultimo accordo di inversione a fallire. L'acquisizione di Shire da 54 miliardi di dollari pianificata dalla società farmaceutica con sede in Illinois AbbVie è crollata all'inizio di questa settimana grazie alle nuove regole stabilite dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti che rendono più difficile finanziare accordi in cui una società statunitense più grande ne acquista una più piccola all'estero. Questi accordi, noti come 'inversioni', sono stati oggetto di crescente scrutinio e critiche poiché i critici, specialmente quelli dell'amministrazione Obama, li hanno definiti antipatriottici.

Mentre gli accordi si concentrano principalmente tra le aziende farmaceutiche e di dispositivi medici che hanno grandi quantità di denaro proveniente dall'estero che potrebbero ottenere un trattamento fiscale migliore da un'inversione, Chiquita è stata una delle aziende più note a prendere in considerazione un tale accordo. Burger King ha anche accettato di acquisire la catena canadese di caffè e ciambelle Tim Hortons e di trasferire la sua sede globale in Canada, anche se i dirigenti di Burger King insistono sul fatto che non si tratta di un accordo guidato dalle tasse.

'Non è stato raggiunto un accordo definitivo con Cutrale/Safra e non ci possono essere garanzie che da queste discussioni derivi alcuna transazione', ha affermato Chiquita in una nota.