Citi pagherà oltre $ 700 milioni per pratiche di marketing losche

frankielon / Via flic.kr

Citi è l'ultima megabanca a pagare centinaia di milioni di dollari in aiuti ai consumatori e sanzioni per la sua commercializzazione dei cosiddetti servizi 'aggiuntivi' ai suoi clienti con carta di credito. Gli oltre 700 milioni di dollari in denaro per i clienti interessati e 35 milioni di dollari in sanzioni arrivano al quinto compleanno del Dodd-Frank Act, che ha creato l'agenzia che ha indagato e sanzionato Citi: il Consumer Financial Protection Bureau.



L'agenzia, nota come CFPB, ha affermato che i metodi utilizzati da Citi per commercializzare prodotti aggiuntivi ai suoi clienti con carta di credito hanno violato le regole di protezione dei consumatori in materia di marketing e fatturazione. Questi prodotti includevano servizi che avrebbero annullato o ritardato i pagamenti, monitoraggio del credito e servizi che avrebbero notificato ai clienti lo smarrimento o il furto di carte di credito. Il CFPB ha affermato che Citi spesso non ha rivelato il vero costo di questi servizi o i loro esatti benefici.

In un caso, ha affermato il CFPB, i telemarketing di Citi hanno detto ai clienti che un prodotto era disponibile con una prova gratuita di 30 giorni, ma in realtà ha addebitato ai clienti durante quei primi 30 giorni. In altri casi, il CFPB afferma che gli operatori di telemarketing non hanno informato gli utenti che sarebbero stati addebitati a meno che non avessero annullato in modo proattivo il servizio.



Citi ha anche commercializzato un servizio di rilevamento delle frodi e di allerta che alcuni operatori di telemarketing, secondo il CFPB, hanno descritto ai potenziali clienti come un modo per avvisarli di acquisti sospetti, ma invece hanno semplicemente notato i cambiamenti nel loro file di credito.



I servizi, 'IdentityMonitor', sono stati commercializzati come generati dai tre principali uffici di segnalazione del credito, ma il CFPB ha affermato che 'un altro fornitore di terze parti ha generato il punteggio utilizzando come input i file di credito del consumatore conservati separatamente presso quelle società di segnalazione del credito. ' Costava $ 12,95 al mese. Il CFPB ha anche affermato che i telemarketing hanno utilizzato 'domande guidate' e talvolta hanno interpretato 'risposte ambigue' per iscrivere i clienti al programma.

Queste pratiche sono andate avanti da gennaio 2009 a ottobre 2012. Il CFPB ha affermato che queste pratiche di marketing improprie hanno colpito 4,8 milioni di clienti con carte di credito Citibank. Insieme, le pratiche di fatturazione e marketing che Citi ha accettato di interrompere e hanno fornito assistenza agli 8,8 milioni di clienti interessati, che è una grossa fetta dei 23,2 milioni di conti aperti di Citi in Nord America.

Il CFPB ha anche dettagliato le pratiche di fatturazione che hanno violato le sue regole, inclusa la fatturazione ai clienti per il monitoraggio del credito senza un'adeguata autorizzazione a farlo. Citi, ha affermato il CFPB, addebiterà ai clienti il ​​monitoraggio del credito anche quando 'una o più società di informazioni sul credito non sono in grado di elaborare l'autorizzazione'. Questa pratica è continuata, in una forma o nell'altra, dal 2000 al 2013 per alcuni dei prodotti add-one di Citi.



Citi ha affermato di aver avviato la bonifica dei clienti nel 2013 e che fornirà ai clienti crediti sugli estratti conto della carta di credito o invierà assegni.

'Citi ha collaborato pienamente con CFPB e OCC e ha adottato misure approfondite per affrontare ogni problema che ha interessato i clienti', ha affermato la banca in una nota. 'Citi aveva precedentemente interrotto le vendite dei prodotti inclusi negli accordi, che includono prodotti di monitoraggio del credito e protezione del debito e servizi di protezione del portafoglio, e non addebita più commissioni telefoniche accelerate'.

Questa è solo l'ultima grande azione di CFPB relativa alla commercializzazione di questi prodotti 'add-on'.



L'anno scorso, il CFPB ordinato Bank of America pagare 727 milioni di dollari in assistenza ai clienti e 20 milioni di dollari in una sanzione per pratiche simili. Chase ha dovuto pagare $ 309 milioni di risarcimenti per i clienti insieme a una sanzione di $ 20 milioni nel 2013.

'Continuiamo a scoprire pratiche aggiuntive illegali di carte di credito che stanno costando milioni di dollari a consumatori inconsapevoli', ha dichiarato il direttore del CFPB Richard Cordray in una nota. 'Nei nostri quattro anni, questa è la decima azione che abbiamo intrapreso contro le aziende in questo spazio per ingannare i consumatori. Resteremo alla ricerca di un comportamento simile e lo affronteremo non appena lo troveremo.'