La gerarchia del lavoro della campagna di Clinton, dai lavoratori Walmart ai capi sindacali

Spencer Platt/Getty Images

Nella costante goccia di e-mail della campagna elettorale violata che probabilmente continuerà fino al giorno delle elezioni, il team di Hillary Clinton si imbatte in questioni di alto profilo sulla disuguaglianza di reddito, come l'aumento del salario minimo, più o meno esattamente come quelli alla sua sinistra hanno a lungo sospetto: prudente e politicamente calcolatore.



Sebbene ci siano state poche vere sorprese nelle e-mail, la sbirciatina dietro le porte chiuse del mondo Clinton offre indizi su come la sua presidenza avrebbe affrontato la politica del lavoro, dopo una stagione elettorale in cui il movimento operaio ha fatto importanti aumenti della spesa politica. I sindacati hanno aumentato i loro contributi quest'anno del 38% rispetto al ciclo elettorale del 2012 e di quasi il 50% rispetto al 2008,Henry avrebbe poi raccontato a estilltravel Newsche un importante investimento nell'assistenza domiciliare e negli operatori sanitari è una delle principali richieste della SEIU dei primi cento giorni dell'amministrazione Clinton. Un portavoce della SEIU ha affermato che il sindacato non ha potuto confermare l'autenticità delle e-mail trapelate.

Stephen Maturen / Getty Images

Federazione americana degli insegnanti
Stato: un alleato centrale, ma attenzione alle attenzioni speciali



Una figura del movimento sindacale che appare più volte nelle comunicazioni della campagna interna è il presidente dell'AFT Randi Weingarten, che ha guidato il suo sindacato a diventare uno dei primi sostenitori di Clinton di peso massimo.



A febbraio, la campagna ha spinto con successo Weingarten co-autore di un editoriale con Henry nelSole di Las Vegas, ma ci sono molti casi in cui lei va al di là di questo tipo di dichiarazione sulla stampa.

Nel luglio 2015, Weingarten si è affrettato a far sapere alla campagna quando un collega capo sindacale, Stuart Appelbaum della Retail, Wholesale and Department Store Union, ha criticato la spinta dell'AFT per un primo sostegno dell'AFL-CIO a Clinton.

Randi ha chiamato personalmente oggi per menzionare questo scambio con Stuart, Budzinski ha scritto. Ha dichiarato che seguirà direttamente Appelbaum ed è rimasta molto scioccata dai suoi commenti.



Raggiunto per un commento, Appelbaum ha detto a estilltravel News di essere 'sorpreso, ma non arrabbiato' quando le e-mail sono venute alla luce e che Weingarten aveva ricevuto informazioni imprecise sui suoi commenti da un membro dello staff. 'L'ho chiarito subito e non è mai stato più un problema', ha detto.

Weingarten ha ripetuto il ruolo di esecutore all'inizio del 2016, dopo che il sindacato National Nurses United ha dato il calore all'AFT per la loro cheerleader di Clinton. Andremo dietro a NNU e ci [sic] condotta alta e potente ipocrita, Weingarten ha scritto .

Stephen Maturen / Getty Images

L'intimità tra Weingarten e il campo di Clinton ha persino portato a preoccupazioni per l'apparenza di favorirla rispetto ad altri pesi massimi del lavoro, come i leader della federazione sindacale AFL-CIO e la National Education Association, un altro sindacato degli insegnanti.



Nel luglio 2015, Budzinski ha scambiato e-mail con la campagna sull'ottica di fare in modo che Weingarten presentasse Clinton a un imminente ricevimento sindacale, preoccupandosi che il presidente dell'AFL-CIO Richard Trumka e il presidente della NEA Lily Eskelsen García potessero sentirsi messi in ombra.

Questo potrebbe infastidire Trumka e Lily, ha scritto Budzinski. Ma onestamente, l'approvazione iniziale di Randi merita molto credito. Un membro dello staff ha risposto: 'Soffriremo davvero la gente se questo sembra artificioso come parte di un grande piano che sta assumendo Trumka.

Podesta è d'accordo: penso che questo sia effettivamente un problema. Più naturale se lei risponde a un paio di domande e Randi viene riconosciuto in quell'ambiente. Se vogliamo evitare questo, cioè le domande, penso che sia meglio solo riconoscerla. Altrimenti, è molto difficile non far incazzare le persone.

Il manager della campagna di Clinton, Robby Mook, ha concordato, scrivendo, che creerà tensione se Randi riceverà un'attenzione speciale. Alla fine, Weingarten non ha finito per presentare Clinton, che invece ha dato al capo del sindacato un gridare nel suo discorso.

Martedì, Weingarten ha detto a estilltravel News: 'Vedi il tipo di urto e stridore in queste e-mail che normalmente vedresti in una gara'.

'Francamente, le persone erano davvero molto vivaci', ha detto. «Sia i sostenitori di Hillary che di Bernie. E sono davvero grato che la maggior parte di noi si sia unita, incluso Bernie. Siamo stati molto orgogliosi di quello che abbiamo fatto a luglio, siamo davvero orgogliosi di Hillary e siamo orgogliosi di quello che sta succedendo ora.'

Justin Sullivan/Getty Images