Chiusura

Porta chiusaChiusuraè qualsiasi interazione, informazione o pratica che consente a una persona di sentire che un evento di vita traumatico, sconvolgente o confuso è stato risolto. Il termine ha le sue origini in Psicologia della Gestalt , ma è più comunemente usato per fare riferimento alla risoluzione finale di un conflitto o problema.

Cos'è la chiusura?



L'importanza della chiusura, in particolare dopo un evento traumatico, è sempre più riconosciuta a livello popolare psicologia . Il bisogno di chiusura spesso ruota intorno alla necessità di un'informazione mancante, in particolare sul motivo per cui qualcuno ha fatto o detto qualcosa. Ciò che costituisce la chiusura varia da persona a persona ed è fortemente dipendente dal contesto che circonda un evento stressante. Esempi di chiusura potrebbero includere:

  • Ricevere scuse da qualcuno che ha commesso un crimine contro di te.
  • Ricevere un risarcimento finanziario per un infortunio.
  • Scoprire la causa della morte di una persona cara.
  • Condurre un rituale per segnare la fine di una relazione: bruciare foto, scrivere una lettera che non viene inviata e così via.
  • Incontrare un ex partner o ex coniuge, magari con un consulente, per discutere il motivo per cui la relazione è finita o per capire perché uno dei infedele .

Trova un terapista

Ricerca Avanzata Cosa realizza la chiusura?

Le persone cercano risposte e spiegazioni: vogliono sapere perché. Tuttavia, trovare risposte non pone necessariamente fine al dolore. A volte una persona che cerca la chiusura scopre che una spiegazione non fa differenza o che in realtà peggiora il suo dolore. Altri ritengono che la chiusura possa essere semplicemente un punto di partenza per superare un evento doloroso. Sebbene il trauma non è risolto, la persona è in grado di affrontarlo meglio. Alla ricerca di un modo definitivo per finalizzare dolore e andare avanti smentisce l'importanza del processo di lutto. Mettere semplicemente fine ai propri ricordi dolorosi può essere più dannoso che utile.



In alcuni casi, tuttavia, la chiusura è un'esperienza profondamente trasformativa che consente alla persona di superare l'evento traumatico. Ad esempio, una vittima di abuso potrebbe dover affrontare l'aggressore e vederlo imprigionato prima che lui o lei possa iniziare a sentirsi di nuovo al sicuro. In riconoscimento di ciò, il sistema di giustizia penale sta riconoscendo sempre più la necessità della chiusura istituendo programmi che consentano alle vittime e alle loro famiglie di incontrare gli autori di reato in un ambiente controllato.

La chiusura è un mito?



La convinzione che un particolare processo possa portare a termine il dolore può essere allettante, ma non è sempre possibile e non tutti i professionisti della salute mentale accettano il concetto di chiusura. In effetti, alcuni sostengono che i tentativi di chiusura possono effettivamente essere tentativi di rivivere un trauma o trascinare un'esperienza dolorosa. Una donna che vuole incontrare il suo ex marito, ad esempio, potrebbe cercare una connessione piuttosto che una chiusura. Le persone possono trarre vantaggio dal riconoscere le emozioni che stanno effettivamente vivendo e affrontarle in modo appropriato, al fine di convivere con la loro perdita. Che la chiusura esista o meno, la necessità - e l'importanza - del progresso non può essere negata.

Riferimenti:

  1. Associazione Americana di Psicologia.APA dizionario conciso di psicologia. Washington, DC: American Psychological Association, 2009. Stampa.
  2. Dreher, C. (2011, 4 settembre). Il mito della chiusura.Boston.com. Estratto da http://www.boston.com/lifestyle/health/articles/2011/09/04/the_myth_of_closure/
  • vera

    6 agosto 2016 alle 23:47

    Ciao a tutti, qualcuno mi ha aiutato quando pensavo che la mia vita fosse persa e non sapevo dove stesse andando ... Tutto è iniziato quando il padre dei miei due figli mi ha lasciato e ha giurato di non avere mai niente a che fare con me. Tutti i miei sforzi per riportarlo indietro si sono rivelati abortivi e ho deciso di lasciare che le cose andassero come stanno perché sentivo che la mia vita era persa e non so dove stia andando. Il prete A è entrato in scena e le cose si sono rivelate come avevo sempre sognato che fosse. Gli sarò per sempre grato per il resto della mia vita, sono così felice !!!!!!!!!!

  • John

    17 novembre 2016 alle 17:39



    Urla silenziose, grida nascoste
    Tentativi falliti, tentativi poco convinti
    Uno spirito spezzato, dolore represso
    Confusione, rabbia
    Un'anima depressa
    Una ferita aperta
    Nessuna chiusura per guarire
    Parte un bambino, incapace di sentire
    Il dolore schiacciante
    La mia anima è stata trattata
    L'infinito dolore
    Da quando mi sono sentito ...