Elizabeth Warren ha detto che Bernie Sanders le ha detto che non credeva che una donna potesse vincere nel 2020

Brendan Smialowski/Getty Images

DES MOINES — Elizabeth Warren ha offerto un resoconto esplosivo di un incontro con Bernie Sanders in cui ha affermato di non credere che una donna possa vincere nel 2020.



Lunedì sera, dopo una giornata di campagna in cui ha rifiutato di commentare la storia, la candidata ha rilasciato una dichiarazione che confermava il suo ricordo dell'incontro.

'Tra gli argomenti che sono emersi c'era quello che sarebbe successo se i Democratici avessero nominato una candidata', ha detto Warren nella dichiarazione di lunedì sera. 'Pensavo che una donna potesse vincere; non era d'accordo. Non ho alcun interesse a discutere ulteriormente di questo incontro privato perché Bernie e io abbiamo molto più in comune delle nostre divergenze sull'opinione pubblica».



Sanders ha negato la storia, segnalato per la prima volta dalla CNN , come una totale fabbricazione da parte del personale che non era nella stanza [e] sta mentendo su quello che è successo, ha detto in una lunga dichiarazione rilasciata lunedì. Tre persone che hanno sentito Warren parlare all'inizio del 2019 dell'incontro hanno detto lunedì che il loro ricordo di lei che raccontava corrispondeva a quello della CNN.



Il fatto che la candidata fosse lei stessa la fonte della storia rende inoperante la prima risposta di Sanders – incolpandola di membri dello staff bugiardi – e assicura che i due senatori saranno costretti a discutere i dettagli della controversa riunione di dicembre 2018 al dibattito di martedì sera qui nell'Iowa.

Nell'incontro tra Warren e Sanders, entrambi i quali si riferiscono spesso all'altro come a un amico, il senatore del Massachusetts ha informato il suo collega che aveva intenzione di candidarsi alla presidenza. Nella sua dichiarazione che nega il resoconto della riunione alla CNN, Sanders ha affermato che sarebbe ridicolo credere che abbia risposto dicendo che una donna non potrebbe vincere le elezioni.

Quello che ho detto quella notte è che Donald Trump è un sessista, un razzista e un bugiardo che avrebbe usato come arma tutto ciò che poteva, ha detto Sanders lunedì. Credo che una donna possa vincere nel 2020? Certo! Dopotutto Hillary Clinton ha battuto Donald Trump di 3 milioni di voti nel 2016.



È triste che, tre settimane prima del caucus dell'Iowa e un anno dopo quella conversazione privata, il personale che non era nella stanza stia mentendo su quello che è successo.

L'amarezza tra i due candidati arriva mentre la loro tregua elettorale di lunga data mostra segni di caduta a pezzi. Nel fine settimana, Politico segnalato che la campagna di Sanders aveva fornito ai volontari un copione organizzativo che indicava loro di scegliere Warren come un candidato i cui sostenitori erano 'persone altamente istruite e più benestanti che si presenteranno e voteranno democratico qualunque cosa accada' e non avrebbero portato nuove basi nel Partito Democratico.

Il giorno successivo, a un evento a Iowa City, Sanders ha negato qualsiasi conoscenza preliminare della sceneggiatura del volontario, definendola il prodotto di qualcuno che [ha detto] cose che non avrebbero dovuto [avere].



Abbiamo oltre 500 persone nella nostra campagna. Le persone fanno certe cose. Sono sicuro che anche nella campagna di Elizabeth le persone fanno certe cose, ha detto Sanders. Ma mi hai ascoltato per mesi. Non ho mai detto una parola negativa su Elizabeth Warren, che è una mia amica. Abbiamo differenze sui problemi. Ecco di cosa tratta una campagna. Ma nessuno attaccherà Elizabeth.

Warren, interrogato dai giornalisti domenica sui punti di discussione, ha detto di essere delusa che Sanders stesse mandando i suoi volontari a buttarla fuori.

Warren e Sanders avranno presto la possibilità di affrontarsi e affrontare direttamente la frattura: saranno entrambi sul palco a Des Moines martedì sera per l'ultimo dibattito delle primarie prima dei caucus statali.

Questa storia è stata aggiornata per includere la dichiarazione di Warren lunedì sera.

Altro su Warren e Sanders