I testi mancanti dell'agente dell'FBI sono stati trovati, afferma l'ispettore generale

Zach Gibson/Getty Images

Sen. Ron Johnson con i giornalisti.



L'ufficio dell'ispettore generale del Dipartimento di Giustizia ha dichiarato giovedì di aver recuperato i messaggi di testo mancanti tra due funzionari dell'FBI che sono sotto esame per le loro critiche al presidente Donald Trump.

L'ufficio ha affermato di aver utilizzato strumenti forensi per recuperare messaggi di testo tra l'agente dell'FBI Peter Strzok e l'avvocato dell'FBI Lisa Page da oltre cinque mesi, da dicembre 2016 a maggio 2017.



La scoperta è arrivata solo sei giorni dopo che il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato al Congresso di non poter trovare i messaggi di testo perché i telefoni cellulari emessi dall'FBI non erano riusciti a catturarli. L'incapacità del dipartimento di trovare i testi ha indignato molti legislatori repubblicani, alcuni dei quali hanno affermato che li ha indotti a mettere in discussione la credibilità e l'obiettività dell'FBI.



La reazione è stata smorzata dopo che l'ufficio dell'ispettore generale ha detto al Republican Sens. Ron Johnson e Charles Grassley di aver recuperato i messaggi di testo. Johnson, che nei giorni scorsi ha criticato l'FBI, ha postato su Twitter la lettera dell'ispettore generale con un breve messaggio in cui si diceva solo che alcuni sms dell'FBI mancanti sono stati recuperati.

I legislatori repubblicani critici dell'indagine del consiglio speciale su Trump e l'ingerenza russa nelle elezioni del 2016 avevano usato i testi mancanti come ulteriori prove che l'indagine potesse essere prevenuta contro Trump. Hanno indicato i testi scambiati da Strzok e Page nel 2015 e all'inizio del 2016 che hanno criticato aspramente l'allora candidato e hanno suggerito che i testi mancanti potrebbero contenere più prove di parzialità.

Sia Strzok che Page hanno lavorato brevemente per il consigliere speciale Robert Mueller dopo essere stato nominato nel maggio 2017. Mueller ha rimosso Strzok dopo aver scoperto lo scambio di messaggi e Page è partita da sola. Strzok è stato anche l'agente principale dell'FBI nell'indagine e-mail di Hillary Clinton condotta dall'FBI nel 2016.

allo stesso modo non era riuscito a catturare i testi.