Il comitato giudiziario della Camera ha votato le regole per l'indagine sull'impeachment di Trump

Chip Somodevilla / Getty Images

Jerry Nadler, presidente della Commissione Giustizia della Camera.



WASHINGTON - Un comitato democratico della Camera ha votato per ritagliarsi i termini della sua indagine sul presidente Donald Trump, avvicinandoli di poco alla questione dell'impeachment.

Il comitato ha votato secondo le linee del partito giovedì mattina, 24-17, con tutti i democratici a favore e tutti i repubblicani contrari, e modellerà le procedure del pannello su ulteriori udienze di impeachment mentre continua la sua indagine su Trump.



Il risoluzione approvato dalla Commissione Giustizia della Camera giovedì, delinea le responsabilità dei membri della commissione nell'indagine, incluso il presidente Jerry Nadler. Il membro del Congresso può ora autorizzare altre commissioni del Congresso a condurre le proprie indagini sulla presunta cattiva condotta di Trump come parte dell'indagine sull'impeachment. I membri del comitato giudiziario e gli avvocati avranno fino a un'ora per interrogare i testimoni anziché i soliti cinque minuti per udienza, alcuni dei quali potrebbero essere tenuti a porte chiuse. Il presidente, dopo aver consultato il vertice repubblicano della commissione, può anche invitare il consiglio del presidente a rivedere e rispondere per iscritto al materiale discusso nelle riunioni a porte chiuse.



La risoluzione davanti a noi rappresenta il passo successivo necessario nella nostra indagine su corruzione, ostruzione e abuso di potere, ha affermato Nadler, ribadendo che la commissione sta ufficialmente conducendo un'indagine sull'impeachment, un argomento che molti membri della Camera sembra essere confuso su . Questo Comitato è impegnato in un'indagine che ci consentirà di determinare se raccomandare articoli di impeachment nei confronti del presidente Trump.

Questo passo segna la mossa più significativa della magistratura della Camera dal 1 agosto, quando il 118esimo membro democratico della Camera si è dichiarato pubblicamente a sostegno dell'impeachment, portando alla maggioranza il numero dei membri pro-impeachment nel caucus.

I repubblicani si sono opposti al voto di giovedì, definendo l'udienza come una farsa e un'opportunità per i democratici di cercare di influenzare le elezioni presidenziali del 2020. Durante la sua dichiarazione di apertura, il membro di rango Doug Collins ha accusato i Democratici di deridere la costituzione e così facendo non si fermerà davanti a nulla per garantire che il popolo americano ascolti solo accuse senza sosta, giorno dopo giorno, infondate contro il presidente. Collins ha definito l'indagine un gigantesco filtro di Instagram, paragonandolo a qualcosa che non è.



Il rappresentante repubblicano Matt Gaetz ha introdotto un emendamento che impedirebbe al consiglio della Camera di interrogare i testimoni, ma è stato respinto dai membri del comitato democratico.

Mentre il comitato va avanti, hanno detto gli assistenti ai giornalisti lunedì, il pubblico può anticipare udienze sulla sicurezza delle elezioni e possibili violazioni della clausola sugli emolumenti, una misura costituzionale che vieta ai presidenti in carica di ricevere regali o qualsiasi cosa di valore da un governo straniero.

Trump ha recentemente fatto notizia quando, durante il vertice del G7 del mese scorso, ha suggerito che l'incontro del prossimo anno si tenesse in una delle sue proprietà. I democratici hanno anche sollevato preoccupazioni sulla spesa estera presso l'hotel di Trump a Washington, DC.



Mentre la presidente della Camera Nancy Pelosi e il suo gruppo dirigente hanno affermato di sostenere gli sforzi e le indagini di Nadler, hanno mantenuto la linea sull'impeachment di Trump, sostenendo che il pubblico non lo supporta.

Il desiderio della leadership di mantenere la conversazione fuori dall'impeachment - motivato, in gran parte, dalla necessità di proteggere i democratici in carica nei distretti moderati - ha portato a messaggi contrastanti tra i democratici della Camera, con più della metà dei loro membri che spingono per l'azione. Mercoledì, il leader della maggioranza della Camera Steny Hoyer, il secondo democratico più alto in classifica alla Camera, ha detto ai giornalisti che la Camera non era in un'indagine di impeachment, ma in seguito ha dovuto riporta indietro quei commenti .

La Pelosi è stata perseguitata da domande sulla questione nella sua conferenza stampa settimanale giovedì e si è sentita frustrata quando le è stato chiesto se avrebbe ammesso che la Camera sta conducendo un'indagine per impeachment.

mi concedo? Non hai prestato attenzione a quello che abbiamo fatto negli ultimi tre mesi? Stiamo legiferando... stiamo indagando, come hanno fatto sei comitati per mesi... e stiamo litigando. …Confermo quello che abbiamo sempre fatto, ha risposto Pelosi. Sostengo ciò che sta accadendo nella commissione giudiziaria, perché ciò consente loro di svolgere il loro processo di interrogatorio e indagine.

La Pelosi ha cercato di chiudere ulteriori domande sull'impeachment, dicendo che non avrebbe commentato ulteriormente, ma in seguito le è stato chiesto se fosse a disagio nel riferirsi al lavoro della commissione giudiziaria come un'indagine sull'impeachment. Perché sei bloccato su una parola qui quando sono in gioco vite laggiù? ha chiesto Pelosi, sostenendo che i giornalisti sono gli unici a concentrarsi sulla questione.

Come i giornalisti respinti, ha aggiunto Pelosi, viaggio per l'intero paese. Vieni con me qualche volta. E sentirai cosa dicono gli americani. Capiscono che l'impeachment è una misura molto controversa, ma se dobbiamo andare lì, dovremo andarci. Ma non possiamo andarci se non abbiamo i fatti.

Addy Baird ha contribuito segnalando questa storia.

AGGIORNARE

12 settembre 2019, alle 15:55

Questa storia è stata aggiornata con i commenti della presidentessa della Camera Nancy Pelosi.

Altro su questo