La campagna di Joe Biden non rilascerà la diversità del personale 2020

Jim Watson/Getty Images

Joe Biden durante un discorso a Darby, Pennsylvania, il 17 giugno.



Guarda il mio staff, ha detto Joe Biden a dicembre.

Il tema della diversità era emerso in un'intervista NPR : Solo i candidati bianchi si erano qualificati per il prossimo dibattito democratico, uno degli ultimi prima dell'inizio delle primarie, e il giornalista ha chiesto se Biden si sarebbe impegnato a selezionare una persona di colore come suo vice. A bordo del suo autobus della campagna in Iowa, il candidato di 77 anni sembrava frustrato in parti uguali dalla domanda e fiducioso nella sua risposta.



Ho lo staff più diversificato di chiunque altro. L'ho sempre fatto.



La campagna di Biden si è rifiutata di fornire dettagli sul reclamo dopo averlo fatto. E più di sei mesi dopo, deve ancora confermare l'affermazione o fornire dati sulla diversità del suo staff elettorale, segnando una rottura significativa durante una resa dei conti nazionale sul razzismo e le questioni di inclusione ed equità con lo standard di trasparenza stabilito da Candidati democratici durante le ultime elezioni presidenziali.

La campagna presidenziale di Biden, guidata da un team di consulenti prevalentemente bianchi, questa settimana ha rifiutato di rivelare il numero di persone di colore sul libro paga o di dettagliare il modo in cui tengono traccia dei dati sulla diversità internamente. In risposta alle domande di estilltravel News sulle pratiche di assunzione e inclusione, la campagna Biden ha indicato la creazione di un comitato per la diversità e la cultura e il suo impiego di un responsabile delle persone, della diversità e dell'inclusione. Michael Leach, un ex funzionario delle relazioni sindacali della NFL che ricopre quel ruolo, ha lavorato per Biden per un anno, ma la campagna non ha annunciato esternamente il suo lavoro prima della pubblicazione di questa storia.

I funzionari della campagna non hanno spiegato perché devono ancora condividere pubblicamente i numeri sulla diversità, ma hanno indicato che si aspettano di farlo presto.



Jamal Brown, il segretario stampa nazionale della campagna di Biden, ha dichiarato in una dichiarazione via e-mail che la campagna riflette la diversità, l'ampiezza e le promesse dell'America e che ha privilegiato la promozione di una cultura inclusiva e di una forza lavoro rappresentativa di tutti i background, convinzioni e condizioni socioeconomiche. gruppi.

Durante le ultime elezioni presidenziali, i candidati democratici hanno pubblicato trimestralmente dati sulla diversità del loro personale come risultato di uno sforzo organizzativo di Inclusv, un gruppo fondato nel 2015 per promuovere la diversità razziale nella politica nazionale e sviluppare una pipeline di talenti per le persone di colore. L'organizzazione ha spinto con successo Hillary Clinton e Bernie Sanders a segnalare autonomamente i propri dati sulla diversità privata e ha offerto alle campagne una propria banca di curricula, stabilendo Inclusv sia come punto di pressione pubblico che come risorsa privata per le campagne democratiche e i comitati di partito.

Alida Garcia, fondatrice di Inclusv, ha affermato di essere in un dialogo continuo con la campagna Biden sulle misure che dovrebbe prendere in considerazione mentre assume per le elezioni generali, ma finora ha anche visto le sue richieste di dati interni senza risposta.



Abbiamo chiesto loro un paio di volte di rendere pubblici i dati sulla diversità del personale. Non abbiamo ricevuto un impegno che intendono condividere, ma è nostra speranza che quando questo attuale sprint di assunzione sarà finito, lo faranno, ha detto, riferendosi agli sforzi di Biden per costruire uno staff negli stati in bilico prima delle elezioni generali.

C'è un corpus di lavoro a questo punto che dovrebbe chiarire che questa è ormai una norma del settore, ha detto Garcia dei dati sulla diversità delle campagne democratiche rilasciate quattro anni fa. Altrimenti sarebbero loro che lo riportano indietro.

La collaborazione di Biden con Inclusv è limitata rispetto a quella di Clinton nel 2016. Garcia e gli altri fondatori di Inclusv hanno incontrato i membri senior del team di Clinton prima del lancio della sua campagna, portando con sé centinaia di curriculum, ha ricordato. Inclusv ha incontrato la campagna Biden, ma con risultati finora più limitati.

Un riassunto dei dati della fine della corsa di Clinton nel 2016 mostra che il numero di persone nello staff che si sono identificate come diverse per razza ed etnia comprendeva oltre il 38% della campagna e oltre il 34% della leadership, secondo un ex funzionario di Clinton. Lo stesso riepilogo dei dati mostra che oltre il 54% dei dipendenti di Clinton si è identificato come donna.

Per certi versi, qualsiasi confronto con la campagna elettorale di Clinton nel 2016 mette Biden in una posizione di svantaggio intrinseco: dove ha affrontato un percorso incerto verso la nomina, partendo con un piccolo staff nella sua sede di Philadelphia e confrontandosi con più di una dozzina di avversari nelle primarie , Clinton aveva pianificato una campagna elettorale generale quasi certa con anni di anticipo.

Alla fine del 2016, secondo Nathaniel Koloc, direttore dell'acquisizione e dello sviluppo dei talenti di Clinton, la campagna aveva assunto circa 4.500 persone nella sua sede e in tutto il paese con un'enfasi sulla diversità tra i membri dello staff senior dall'inizio della sua candidatura presidenziale.

Per me, il fatto che non abbiano battuto pubblicamente Clinton sui nostri numeri e sui nostri sistemi non tiene conto del fatto che la loro campagna non ha lo stesso aspetto della nostra in termini di risorse, ha detto Koloc. Questo non vuol dire che non dovrebbero valorizzare la diversità.

Koloc ha affermato di aver contribuito a monitorare la diversità del personale di Clinton insieme a Bernard Coleman III, responsabile della diversità e delle risorse umane della campagna. (Non è stato possibile contattare Coleman per un'intervista per questo articolo.) Nei loro 19 mesi di campagna, Koloc e Coleman hanno contribuito a sviluppare un software configurato su misura per fungere da enorme database di curriculum privato, portando nuovi talenti dal sito Web della campagna o annunci radiofonici che avrebbero eseguito negli Stati Uniti per assumere organizzatori. Koloc ha ricordato uno sforzo per reclutare persone di colore nei reparti in cui la barriera all'ingresso è stata storicamente alta, come i dati e l'analisi.

Jim Watson/Getty Images

Biden tiene una tavola rotonda sulla riapertura dell'economia presso l'Enterprise Center di Filadelfia, l'11 giugno.

Le proteste nazionali scatenate dalla morte di George Floyd, un uomo di colore disarmato ucciso dalla polizia a Minneapolis alla fine del mese scorso, insieme ai tweet minacciosi del presidente Donald Trump rivolti ai manifestanti neri, hanno aperto uno spazio nella politica democratica per un dialogo franco sul personale rappresentazione e inclusione nella cultura della campagna. Su Twitter, nelle liste di posta elettronica private e nelle chiamate Zoom a tutte le mani, i membri dello staff sono immersi in conversazioni, alcune delle quali dolorose e piagnucolose, su tutto, dal terribile onere posto sui membri dello staff politico nero a anti-blackness nella comunità dei dati politici .

Un portavoce della campagna di Trump non ha risposto a diverse domande su quante persone di colore lavorano per la squadra di rielezione del presidente.

Purtroppo, Donald Trump non condivide questi principi - e lo dimostra, ha affermato Brown, l'addetto stampa di Biden.

Riunire uno staff che rappresenti la diversità di razza, etnia, identità di genere, orientamento sessuale e altre aree è una sfida anche per le organizzazioni stabili con grandi dipartimenti di risorse umane. Può essere ancora più complicato per le organizzazioni costruite al volo e soggette agli episodici alti e bassi di una campagna politica.

Ad un certo punto, alla fine dell'anno scorso, più o meno all'epoca dell'intervista a NPR di Biden, almeno tre delle campagne presidenziali democratiche - Pete Buttigieg, Bernie Sanders ed Elizabeth Warren - hanno riferito di avere uno staff composto da almeno il 40% di non bianchi.

Dal momento in cui è diventato un serio contendente al giorno in cui ha concluso la sua corsa alla presidenza, Buttigieg ha dovuto affrontare domande sul suo impegno per la giustizia e l'uguaglianza razziali. Le preoccupazioni sono iniziate con il suo lavoro come sindaco di South Bend, nell'Indiana, sono state trasferite nei sondaggi che in alcuni casi hanno misurato il suo sostegno tra gli elettori neri a zero e hanno demoralizzato alcuni dei suoi aiutanti di colore che sentivano di avere un input limitato con il gruppo dirigente senior . Così pronunciate erano le frustrazioni che la campagna ha tenuto diverse riunioni del personale Su diversità e inclusione lo scorso dicembre e a gennaio.

Nina Smith, che in qualità di addetta stampa itinerante di Buttigieg era uno dei dipendenti di colore più visibili della campagna, ha dichiarato in un'intervista di aver trovato genuina e significativa l'attenzione della candidata alle questioni relative alla diversità.

Quello che mi è piaciuto di Pete è stata questa intenzione di creare spazi per noi, prima di tutto, per essere nella stanza e, a parte essere nella stanza, avere questi spazi, ha detto Smith, che ora lavora come stratega delle comunicazioni democratiche. È importante, ha aggiunto, misurare quanto il personale di un candidato rifletta l'aspetto del paese.

Per gli operatori del colore, i dati principali raccontano solo una parte della storia.

'I tuoi numeri di diversità in senso unidimensionale possono sembrare fantastici, ma chi ha davvero l'agenzia? Chi sta effettivamente prendendo le decisioni? Chi ha l'investimento finanziario e un budget reale con cui correre?' ha detto Linh Nguyen, uno stratega democratico che ha lavorato come direttore delle coalizioni nella campagna presidenziale del senatore Cory Booker.

Dopo aver lavorato su più cicli presidenziali e campagne statali, Nguyen ha avviato il suo super PAC incentrato sull'interruzione digitale online. 'Passo le mie giornate a lanciare e cercare di dimostrare il valore e il lavoro che svolgiamo come persone di colore - agli uomini tipicamente bianchi, ha detto Nguyen di alcune delle sue passate esperienze elettorali. Che si tratti di un regista maschio bianco a cui riferisco o di un manager della campagna bianca, non capiranno mai intrinsecamente il valore di questo lavoro o perché ho bisogno di un budget a sei cifre.

Ha aggiunto: Il sistema è già stato costruito e progettato per escluderci.

A novembre, Vanessa Cardenas, un'assistente senior di Biden, si è dimessa a causa della sua frustrazione per la diffusione della campagna Latino e per la sua mancanza di input, Politico segnalato al momento .

Lo staff senior di Biden è per lo più bianco, così come il suo armadio da cucina di consiglieri, molti dei quali sono con lui da decenni. Diversi membri dello staff di colore hanno riconosciuto questo fatto in recenti interviste. Ma sostengono anche che Biden - un candidato che si è lanciato in gara diversi mesi dopo rispetto ad altri, ha lottato per raccogliere fondi online e si è imbattuto nei primi tre concorsi delle primarie democratiche all'inizio di quest'anno - è ora in grado di reclutare un diverso personale.

Un funzionario di Biden ha confermato che la campagna ha monitorato la diversità del personale internamente attraverso gli strumenti delle risorse umane sin dal suo lancio nell'aprile 2019 per garantire una solida pipeline di diversità, sebbene il funzionario abbia rifiutato di dettagliare quali risorse o servizi impiega la campagna per dare priorità alla diversità durante il processo di reclutamento .

Jen O'Malley Dillon, che ha assunto la carica di responsabile della campagna di Biden a marzo, ha detto al Washington Post il mese scorso che la diversità del personale era una priorità.

Penso che la nostra campagna stia crescendo, ha detto all'inizio di questo mese Kamau Marshall, direttore delle comunicazioni strategiche della campagna. Dal primo giorno abbiamo sempre avuto una campagna diversificata.

Biden e O'Malley Dillon hanno entrambi contattato lo staff di colore alla fine del mese scorso dopo l'uccisione di Floyd a Minneapolis. Biden ha tenuto una videochiamata con tutto lo staff per quasi due ore. O'Malley Dillon ha incoraggiato i dipendenti a prendersi del tempo libero se ne avevano bisogno.

Nelle ultime settimane, la campagna ha aggiunto diverse persone di colore in ruoli chiave, compresi i consulenti senior Karine Jean-Pierre e Julie Chavez Rodriguez , che dovrebbero aiutare a raggiungere le comunità nere e latine. Addisu Demissie, che ha gestito la campagna presidenziale di Booker, è stato assunto per eseguire l'operazione di convenzione di Biden.

La questione della giustizia razziale: nessuno dall'esterno può affrontare questo problema da solo, ha detto Smith, l'ex assistente di Buttigieg. Non puoi creare politiche che riparino il danno che è stato fatto: non puoi farlo senza avere la persona che ha vissuto quell'esperienza nella stanza e in tutta la tua campagna.

Altro su Joe Biden

  • I membri dello staff della campagna nera 'hanno sempre avuto un carico impressionante'. Ora stanno lottando con la morte di George Floyd.Henry J. Gomez 9 giugno 2020
  • Joe Biden dice che è un ponte verso il futuro. I giovani democratici vogliono sapere cosa ci sarà dall'altra parte.Henry J. Gomez 13 giugno 2020