Il co-responsabile dell'investment banking di JPMorgan lascia la società di private equity

Gary Cameron / Reuters

Michael Cavanagh, ex co-responsabile dell'investment banking di JPMorgan.



Il co-direttore della banca d'investimento di JPMorgan Chase e uno degli alleati di lunga data del CEO e presidente Jamie Dimon lascia la banca per The Carlyle Group, una società di private equity. Michael Cavanagh, che è arrivato in banca con Jamie Dimon di Bank One nel 2004, è l'ultimo dirigente senior di JPMorgan a lasciare la banca. Cavanagh è stato anche visto da molti come un possibile successore di Dimon come CEO.

Il 48enne Cavanagh era stato a lungo un uomo delle pulizie per la banca; era spesso nei ruoli più delicati quando era scosso dalla crisi. Era direttore finanziario quando JPMorgan ha affrontato la crisi finanziaria ed è stato uno dei meno colpiti dalle turbolenze che hanno paralizzato diversi rivali della megabanca.



'Sono rimasto sorpreso, Mike è stato uno degli ultimi ragazzi con Jamie nel corso degli anni', ha detto William Daley, l'ex presidente della banca del Midwest, 'Mike ovviamente è qualcuno a cui Jamie è vicino, sono rimasto scioccato'.



Quando è arrivato il momento di esaminare cosa è successo con la 'London Whale', la perdita di oltre 6 miliardi di dollari della banca nel commercio di derivati ​​nel 2012, è stato ancora una volta Cavanagh ad assumere l'incarico, ed è stato nominato co-responsabile della banca d'investimenti insieme con Daniel Pinto nell'estate 2012. Pinto sarà ora l'unico capo della banca d'investimenti, in una nota ai dipendenti, Dimon ha detto che Pinto 'è un partner perfetto - i suoi valori, il suo carattere e il suo giudizio non sono secondi a nessuno - e ha dimostrato di poter guidare nei momenti più difficili

Cavanagh è stato uno degli ultimi dirigenti rimasti che hanno visto JPMorgan attraverso la crisi finanziaria per essere ancora in banca. Dei 15 dirigenti del comitato operativo della bancaFortuna etichettato 'The Survivors' in una storia di copertina del 2008 , ne rimangono ancora solo quattro, compreso Dimon.

Con Cavanagh che ora lascia l'azienda, non c'è un successore immediato ovvio per Dimon, che secondo quanto riferito ha affermato di voler rimanere al timone come CEO e presidente per almeno altri cinque anni . Rispetto ai restanti luogotenenti di Dimon, Cavanagh aveva una vasta gamma di esperienza nelle divisioni della banca, inclusa la gestione di servizi di tesoreria e titoli e attività bancarie commerciali mentre era alla Bank One con Dimon.



Sebbene diversi dirigenti senior di JPMorgan se ne siano andati relativamente di recente, non sono finiti presso rivali di banche dirette come Wells Fargo o Goldman Sachs, ma in altri tipi di società finanziarie. 'L'attività bancaria è piuttosto dura, con tutti e il loro fratello che hanno supervisione e regolamenti al massimo', ha detto Daley.

Cavanagh diventerà co-presidente e co-amministratore delegato di The Carlyle Group, una delle più grandi società di private equity del mondo e cliente di JPMorgan.

'Se guardi Carlyle, stanno cercando una nuova leadership, è una scelta naturale. Cavanagh è bravo con i clienti e gestisce molti affari importanti', ha detto Daley, 'Penso che sia una mossa piuttosto brillante da parte di Carlyle'.



IlNew York Times ha descritto il 48enne Cavanagh come 'potenziale erede' alla guida di Carlyle, i cui tre fondatori sono tutti sulla sessantina.

Almeno finora, la partenza di Cavanagh sembra essere non controversa. In una nota inviata ai dipendenti, Dimon ha affermato che la partenza di Cavanagh è stata 'una deplorevole perdita per la nostra azienda poiché Mike ha fatto parte del tessuto della nostra organizzazione negli ultimi 14 anni'.

Cavanagh è il terzo dirigente di alto rango di JPMorgan a lasciare la banca per un ruolo senior presso un'altra società finanziaria negli ultimi due anni.

Charles Scharf, a capo delle operazioni bancarie al dettaglio di JPMorgan, ha lasciato la banca alla fine del 2012 per diventare CEO di Visa, mentre l'ex co-direttore operativo e un altro membro della cerchia ristretta di Dimon, Frank Bisignano, ha lasciato la banca nell'aprile dello scorso anno per diventare CEO di First Data, una società di elaborazione dei pagamenti con sede ad Atlanta di proprietà del private equity rivale di Carlyle, KKR. Diversi altri dirigenti hanno poi seguito Bisignano da New York ad Atlanta.

Secondo quanto riferito, ciò ha scatenato tensioni tra le due banche e si è concluso con un accordo in cui First Data avrebbe pagato a JPMorgan qualcosa di meno di $ 10 milioni in modo che la banca non contestasse le nuove assunzioni, secondo ilgiornale di Wall Street .

La partenza di Cavanagh per Carlyle Group, che è un cliente di JPMorgan, appare più simile a quella di Jonathan Staley, l'ex capo della banca d'investimenti. Staley ha lasciato JPMorgan per BlueMountain all'inizio dello scorso anno.

In quel caso, Staley si è rivolto a un'azienda fondata da un ex dipendente di JPMorgan che, dopo essere stata dall'altra parte dei suoi famigerati traffici di London Whale, li ha aiutati a scioglierli.

Cavanagh ha detto in una nota ai dipendenti di JPMorgan che la sua decisione di andarsene 'è stata senza dubbio la decisione più difficile che abbia mai dovuto prendere' e che 'non c'è davvero altro dietro'.

'Per cominciare, sarò un cliente, quindi lavorerò con molti di voi. Il mio ufficio sarà in fondo alla strada e la mia porta sarà sempre aperta».