Messina: Obama ha vinto sulle piccole cose

John Gress / Reuters

Il manager della campagna di Barack Obama, Jim Messina, ha detto venerdì che la rielezione del presidente è stata vinta grazie a cose micro.



'La politica riguarda troppo le analogie e non il fatto che le cose funzionino o meno', ha detto Messina a estilltravel. 'Devi testare ogni singola cosa, sfidare ogni ipotesi e assicurarci che tutto ciò che facciamo sia dimostrabile'.

'Ecco perché amo i numeri', ha detto. 'Perché sai bene o male se quello che stai facendo sta funzionando.'



Messina ha parlato con estilltravel venerdì dopo aver condiviso un panel con l'assistente di Romney Brian Jones in una conferenza per l'Associazione Internazionale dei Consulenti Politici all'Hilton di New York. Lì, Messina e Jones hanno evocato un contrasto tra una campagna che ha avuto il vantaggio sulla messaggistica macro e un'altra che ha investito milioni in analisi e metriche.



'Dovevamo vincere con le cose micro', ha detto Messina.

Jones, al contrario, ha affermato che la campagna di Romney è stata caratterizzata da un errore di fondo sull'elettorato stesso.

'Neil Newhouse, il nostro sondaggista, aveva sempre detto: 'Ragazzi, se possiamo vincere gli indipendenti in Ohio, possiamo vincere questa gara'. Ma abbiamo vinto gli indipendenti per sette e abbiamo perso', ha detto Jones. 'Pensavamo che il gioco sarebbe stato una cosa, e alla fine è diventato un'altra.



Obama for America ha fatto quello che Messina ha definito un investimento 'senza precedenti' di 100 milioni di dollari in tecnologia. La rielezione, ha detto Messina, sarebbe stata diversa dal 2008, un periodo in cui l'iPhone era alla sua prima iterazione, quando Facebook era un decimo delle sue dimensioni attuali e quando la campagna di Obama ha inviato un solo tweet durante tutto il giorno delle elezioni (' Abbiamo pensato che fosse una tecnologia stupida che non sarebbe mai andata da nessuna parte', ha detto Messina).

Sotto Messina - il cervello ossessionato dalle metriche dietro l'operazione - la campagna, una volta definita da ideali, speranza e cambiamento, è diventata tutta basata sui dati.

'Avremmo chiesto dati su tutto, avremmo misurato tutto', ha detto durante il panel. 'Avremmo messo un team di analisi dentro di noi per studiarci tutto il tempo per assicurarci che fossimo intelligenti riguardo alle cose.'



Ogni notte, il team di analisi di Obama eseguiva la campagna 66.000 volte su una simulazione al computer. 'E ogni mattina', ha detto Messina, 'entravamo e spendevamo i nostri soldi sulla base di quelle simulazioni'.

I loro modelli alla fine prevedevano i risultati della Florida entro lo 0,2% e l'Ohio entro lo 0,4%. L'unico stato in cui si sono sbagliati, ha osservato Messina, è stato il Colorado, 'dove abbiamo ottenuto un punto in più di quanto pensassimo'.

La campagna di Obama è stata in grado di farlo, ha detto, perché si è allontanata dai sondaggi tradizionali di negozi come Gallup, che ha definito 'sbagliati l'intera elezione' - in particolare, nella loro previsione che meno minoranze e giovani sarebbero andati a votare .

'Abbiamo passato un sacco di tempo a capire che i sondaggi americani sono rotti', ha detto Messina. 'Non abbiamo mai fatto un sondaggio nazionale. Abbiamo fatto solo sondaggi locali e statali.'

Jones, da parte sua, ha offerto uno sguardo a ciò che è andato storto con Orca, il fallito sistema di monitoraggio dell'affluenza al giorno delle elezioni, presentato dal GOP come 'il piano più nuovo, senza precedenti e tecnologicamente più avanzato del Partito Repubblicano per vincere le elezioni presidenziali del 2012'; Jones ha affermato che il progetto era essenzialmente una versione di ciò che 'ogni campagna' ha fatto negli anni passati.

'Ci sono stati un paio di problemi durante il giorno, ma in gran parte ha funzionato come previsto', ha detto Jones. 'Ma alla fine non aveva molta importanza.'

Il software, pensato per offrire dati quantitativi sull'affluenza alle urne nel corso del giorno delle elezioni, dimostrato disfunzionale e alla fine si è schiantato alle 16:00.

(Messina ha detto che la campagna di Obama ha provato la stessa cosa nel 2008: 'Anche la nostra è precipitata'. Hanno chiamato il progetto Houdini, ma quest'anno l'hanno chiamato Gordon. 'Ho detto: 'Perché questa cosa si chiama Gordon?' Hanno detto: 'Don 'sai che Gordon è il nome della persona che ha ucciso Houdini?'')

Jones ha sostenuto che, nonostante l'incidente dell'Orca - e le chiare vittorie del presidente Obama su questioni come l'assistenza sanitaria e la classe media - Romney 'ha vinto sulla visione del futuro, sull'essere un leader forte, sul deficit', ha detto.

'In definitiva, però, non importava', ha aggiunto Jones. 'Questi ragazzi hanno appena condotto una campagna incredibilmente abile, forte e ben organizzata. Abbiamo avuto un po' di vantaggio sulla messaggistica macro, ma non importava.'

Correzione: OFA ha condotto la campagna su una simulazione al computer 66.000 volte ogni notte, non 666.000.