I musulmani piangono la brutale morte di una ragazza adolescente dopo aver lasciato la moschea in Virginia

Steve Helber / AP

I sostenitori di Nabra Hassanen, che è stato ucciso durante il fine settimana in un incidente stradale, distribuiscono fiori prima dell'inizio di una veglia mercoledì.



Le giovani donne dagli occhi rossi che si sono riunite mercoledì per il funerale di Nabra Hassanen sono ossessionate dalle visioni dei suoi ultimi momenti: correre per salvarsi la vita al chiaro di luna, cercando invano di sfuggire all'assassino che la insegue con una mazza da baseball.

La feroce fine della vita della diciassettenne Hassanen durante il fine settimana è stata un incubo diventato realtà per centinaia di giovani donne, principalmente musulmane nere e brune, che erano tra le folle di persone in lutto stipate in una moschea suburbana della Virginia per il funerale islamico. Le sorelle, i cugini e le amiche di Hassanen hanno insistito affinché la sua bara di legno drappeggiata di nero fosse portata nella sezione femminile prima che fosse caricata in un carro funebre e portata via per la sepoltura in un vicino cimitero.



Via Twitter: @Beautiful_Lova1

Nabra Hassanen



Gli uomini si sono occupati della logistica e hanno parlato ai microfoni, ma la giornata è appartenuta alle donne i cui singhiozzi e preghiere echeggiavano nel parcheggio dell'All Dulles Area Muslim Society (ADAMS) Center a Sterling, in Virginia.

Potremmo essere noi, le nostre sorelle, le nostre migliori amiche, ha detto Dina Nour, una ventiquattrenne etiope-americana che ha visto il proprio riflesso nelle foto di Hassanen, fino agli eleganti occhiali che indossavano entrambe. Sta colpendo molto vicino a casa.

Hassanen, cresciuto in una famiglia di immigrati nubiani molto unita che si stabilì vicino a Washington,è stato picchiato a mortee il suo corpo è stato scaricato in uno stagno all'inizio di domenica dopo quello che la polizia ha definito un incidente di rabbia stradale. Un cittadino salvadoregno di 22 anni, Darwin Martinez Torres,è in custodia di poliziain relazione al caso.



Tuttavia, molti musulmani e neri in lutto affermano che è un errore minimizzare il ruolo che il colore della sua pelle e la religione potrebbero aver avuto nell'attacco. E gli attivisti stanno diffondendo una petizione che chiede alle autorità di perseguire le accuse di crimini d'odio.

Hannah Allam / estilltravel Notizie

Mentre migliaia di persone in lutto di ogni provenienza si sono presentate per rendere omaggio ad Hassanen, c'è stata una ferita particolarmente profonda tra coloro che condividono la sua complessa identità - donne musulmane di origine africana - che vedono nella sua morte la realizzazione della paura che grava pesantemente sulla loro spalle ogni volta che escono di casa in un'epoca di bollenti tensioni politiche e razziali.

Che razza di America è questa, hanno chiesto, dove una ragazza adolescente può essere brutalizzata mentre si reca in moschea con un gruppo di amici?



Ci sono accese controversie sulle circostanze della morte di Hassanen e sulla misura in cui gli attivisti dovrebbero parlare pubblicamente dell'idea che il suo background possa aver contribuito alla furia apparente del suo aggressore. Secondo la maggior parte dei resoconti, Hassanen era tra un gruppo di amici che mangiavano un boccone prima dell'alba, una tradizione del Ramadan, il mese sacro islamico in cui i musulmani digiunano dall'alba al tramonto.

Un adolescente in sella a una bicicletta insieme a Hassanen e ai suoi amici ha avuto un alterco con il sospettato, dicono la polizia e i parenti, e il sospettato sarebbe uscito dalla sua auto con una mazza da baseball. Gli altri sono fuggiti, ma secondo quanto riferito Hassanen è inciampata nella mischia ed è stata rapita, portata in un altro luogo e aggredita prima che il suo corpo fosse trovato in uno stagno. È stata uccisa da un trauma da corpo contundente alla testa e al collo, secondo il rapporto del medico legale.

Sembra che lo stiano addolcendo, ha detto Ajha, una studentessa di 21 anni che ha chiesto che il suo cognome non fosse usato a causa della delicatezza del caso. La persona media potrebbe avere rabbia per la strada, forse metteresti un dito fuori dal finestrino della macchina o qualcosa del genere. Ma uscire dalla tua macchina e fare qualcosa di così indicibile? Penso che la rabbia da strada sia una scusa del tutto inaccettabile.

Quattro dei cugini di Hassanen, parlando a margine di una veglia la notte prima del funerale, hanno affermato che la famiglia era sconvolta dal fatto che i gruppi musulmani stessero sfruttando l'angolazione religiosa invece di concentrarsi sul ruolo che la razza potrebbe aver svolto. Hassanen e le sue amiche erano nere, dicevano le cugine, e questo le rendeva ancora più visibili e vulnerabili della loro religione.

Steve Helber / AP

I sostenitori di Nabra Hassanen si inginocchiano e pregano con un rosario prima dell'inizio della veglia di mercoledì.

I cugini, che sono cresciuti con Hassanen e una volta vivevano con lei nella stessa casa del Maryland quando i loro genitori sono arrivati ​​negli Stati Uniti, hanno detto che i musulmani non neri a volte negano i pericoli aggiuntivi affrontati da quelli di origine africana. I nubiani come la loro famiglia, hanno detto, trovano particolarmente difficile inserirsi nella più ampia comunità musulmana: hanno detto che sono troppo neri per essere accettati da arabi e sud-asiatici, e troppo stranieri per essere rivendicati dagli afroamericani.

Siamo presi di mira più di loro e non importa quanto vogliano combatterlo, è vero, ha detto Kalood Younis, che è scoppiata in lacrime più volte quando ha parlato di sua cugina.

Non si tratta di una dichiarazione politica. Questa è la vita di una ragazza, ha aggiunto un altro cugino, Marafi Badr, che ha detto che Hassanen è stato il primo amico che ricorda.

Steve Helber / AP

Il residente locale Zain Kjhaliq tiene un cartello prima dell'inizio della veglia per Nabra Hassanen mercoledì.

Come ragazze, ha detto Badr, chiedevano alle loro madri di intrecciare i capelli allo stesso modo in modo che potessero sembrare gemelle.

Al funerale, non si faceva menzione della disputa intestina sul simbolismo della morte di Hassanen. L'attenzione era puntata sulla tragedia di una giovane vita interrotta. Un imam la cui voce rimbombava dall'altoparlante si riferiva solo indirettamente alle ostilità che i musulmani affrontano oggi e ha promesso che dove stava andando Hassanen, non c'era dolore, né sofferenza.

La moschea aveva organizzato diversi autobus per trasportare le persone in lutto al cimitero, dove si sono affollate attorno al complotto di Hassanen, cantando il principio islamico, Non c'è Dio ma Dio. I vecchi sedevano sotto una tenda e piangevano.

Il padre di Hassanen si è concesso un momento una volta che lei è stata calata nella tomba; sua madre era stata troppo sconvolta per venire. La folla si divise in modo che le sue sorelle potessero aggiungere terra.

Khadija Mehter, una musulmana di 32 anni di origine sud-asiatica, aveva in programma di partecipare a una grande veglia dopo il funerale nella vicina Reston, ma ha saltato il servizio stesso. Questa adolescente, ha detto Mehter, ha vissuto l'orribile realtà degli scenari a cui pensano molte donne musulmane di colore mentre camminano da sole verso le loro auto di notte.

La morte di Hassanen, ha detto, sembrava ancora surreale.

Penso che parte di ciò sia dovuto al fatto che in realtà non voglio affrontare il fatto che potrei essere stato io, ha detto Mehter. Non voglio dover vivere una vita diversa dagli altri e sapere che la mia vita è più vulnerabile alla violenza.

Un immigrato senza documenti avrebbe picchiato e ucciso un adolescente musulmano a causa della rabbia stradale

estilltravel.com

La polizia dice che anche l'adolescente musulmano che è stato ucciso in un attacco di rabbia stradale potrebbe essere stato violentato

estilltravel.com