New York City Bodegas chiuderà per protestare contro il divieto di immigrazione

Michael Corey / Flickr / ViaGli autisti dei taxi gialli di New York hanno scioperatoper protestare contro l'ordine esecutivo del presidente Trump sull'immigrazione, un'altra comunità di immigrati centrale nella vita della città sta pianificando uno sciopero tutto suo. I proprietari di Bodega - un commercio in cui gli yemeniti-americani sono ben rappresentati a New York City - hanno intenzione di chiudere i battenti giovedì per mostrare la loro opposizione al divieto.

Lo sciopero è previsto dalle 12:00 alle 20:00, quindi il caffè mattutino e le uova e i formaggi non saranno interessati. Gli organizzatori affermano che più di 1.000 proprietari di negozi di alimentari yemeniti-americani nei cinque distretti hanno intenzione di partecipare.

l'ordine esecutivo. La legge in questione vieta a tempo indeterminato ai rifugiati siriani l'ingresso negli Stati Uniti, sospende l'ammissione dei rifugiati per 120 giorni e impedisce ai cittadini di Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen di entrare nel Paese per 90 giorni.





Molti dei mercanti avevano una famiglia che non potevano più visitare, a causa della minaccia di vedersi rifiutare il rientro nel paese.

'Molti di questi negozi sono nel quartiere da 20 o 30 anni', ha detto Hassan. 'E molte persone ci hanno chiesto: 'Non li ferirebbe perché perderanno soldi?' Gli imprenditori hanno detto che la cosa importante è la dichiarazione che viene fatta. Molti sono stati emotivamente devastati. Non possono concentrarsi sul lavoro, perché sono separati dai loro familiari.

Chiudere per affari, anche per il pomeriggio, è una mossa estrema all'interno della comunità yemenita, ha detto.



'La maggior parte delle persone nelle comunità yemenite sa che è difficile chiudere un'attività: di solito è un negozio aperto 24 ore su 24. Anche durante gli uragani, si mantengono aperti', ha detto. 'Ma vogliono davvero che le persone siano più consapevoli dell'impatto che ha su di loro. Per la nostra comunità, siamo stati praticamente paralizzati, non sapendo cosa fare, guardando i titoli prendere il sopravvento.

Hassan ha aggiunto che lo sciopero della New York Taxi Workers Alliance è stato in parte un'ispirazione per l'azione.

'È stato decisamente sorprendente, ha detto dell'interruzione del lavoro del taxi. 'Penso che sia molto importante in questo momento. Per molto tempo, le comunità hanno sentito di potersi rendere invisibili, nonostante quello che sta succedendo, nella vita di tutti i giorni. Penso che queste comunità si rendano conto che ciò non può più accadere. Dobbiamo tutti fare una dichiarazione e parlare di ciò che stiamo vedendo - non solo ciò che sta interessando la comunità yemenita ma altri paesi - e c'è l'idea che il divieto potrebbe espandersi per includere anche altri paesi.



'Un minuto, sono un musulmano newyorkese, nato e cresciuto qui. Con un tratto di penna, la tua nazionalità o la nazionalità della tua famiglia vengono criminalizzate.'