RNC: Trump chiede un'altra possibilità per risolvere il caos

Brendan Smialowski/Getty Images

Il presidente Donald Trump prima di pronunciare il suo discorso di accettazione durante l'ultimo giorno della Convention nazionale repubblicana dal South Lawn della Casa Bianca, il 27 agosto.



WASHINGTON — Donald Trump ha detto che l'America era un disastro nel 2016 e quattro anni dopo, correndo per la rielezione a presidente, ha lo stesso messaggio: l'America è un disastro.

Nel suo discorso di accettazione della nomina presidenziale repubblicana nell'ultima notte della convention del partito giovedì, Trump ha descritto un paese che, pur superando alcune sfide, sta ancora affrontando il caos e il 'caos' nelle sue principali città. I repubblicani che hanno parlato prima di Trump, sia giovedì sera che nei giorni precedenti, hanno descritto folle che si impossessavano delle città e censuravano il discorso degli americani e le forze dell'ordine in costante pericolo. È proprio la cosa di cui Trump ha promesso di liberare il Paese quattro anni fa quando ha accettato la nomina presidenziale repubblicana a Cleveland, promettendo il ripristino della legge e dell'ordine.



'Nessuno conosce il sistema meglio di me', disse allora della politica 'truccata' americana, 'motivo per cui solo io posso aggiustarlo'.



Eppure, quattro anni dopo, molto rimane irrisolto, secondo Trump e la maggior parte degli oratori durante la Convention nazionale repubblicana di questa settimana.

C'è violenza e pericolo nelle strade di molte città gestite dai democratici in tutta l'America, ha detto il presidente giovedì sera nel South Lawn della Casa Bianca.

Il suo discorso di ringraziamento ha caratterizzato alcune delle autocelebrazioni più tipiche di un caso di rielezione, dall'economia pre-pandemia ai suoi sforzi contro il terrorismo. Ma l'oscurità continuava a riversarsi nelle sue osservazioni, e l'oscurità era il fulcro dei discorsi di molti dei repubblicani che hanno parlato prima di lui questa settimana. Di fronte a un avversario democratico come Joe Biden che lo sta battendo nei sondaggi e in una pandemia globale, Trump, nel suo discorso di accettazione del 2020, è tornato spesso agli avvertimenti del 2016, dando la colpa dell'aumento della violenza nelle città americane ai piedi dei leader locali e oppositori politici e assolvere il proprio governo.



Anche i relatori al convegno repubblicano delle ultime quattro sere hanno creato diverse realtà contraddittorie. In questo, Trump, al potere negli ultimi quattro anni, è il massimo protettore del popolo americano e persino della civiltà occidentale nel suo insieme. Nel frattempo, dicono i repubblicani, Trump, al potere da quasi quattro anni, presiede una nazione nell'oscurità e nel caos, flagellata da folle, caos di massa e pregiudizi contro le forze dell'ordine.

In effetti, Trump e altri oratori questa settimana hanno affermato che le città americane sono precipitate nella violenza durante la presidenza di Trump e solo altri quattro anni di Trump come presidente possono impedire che le cose peggiorino.

Se la sinistra radicale prenderà il potere, applicherà le sue politiche disastrose a ogni città, paese e sobborgo d'America, ha detto Trump.

Brendan Smialowski/Getty Images



La folla a Washington osserva il presidente Donald Trump pronunciare il suo discorso di accettazione al South Lawn della Casa Bianca, il 27 agosto.

Anche dopo la dichiarazione di Trump al suo insediamento nel gennaio 2017 che questa carneficina americana si ferma proprio qui, i repubblicani questa settimana hanno avvertito che la nazione è in realtà in pericolo imminente.

L'ultima notte della convention è stata dedicata in parte a onorare le forze dell'ordine e gli oratori hanno presentato una prospettiva cupa se gli elettori non danno al presidente un'altra possibilità di sistemare le cose.

Come i poliziotti di tutto il paese, stiamo fissando il barile di un disastro di sicurezza pubblica, ha detto Pat Lynch, presidente della New York City Police Benevolent Association, in un messaggio preregistrato. Il sindacato di polizia ha approvato il presidente all'inizio di questo mese, la prima volta, ha detto Lynch, in quasi quattro decenni.

Trump ha le spalle della polizia di New York, secondo Lynch, ma la sinistra radicale che gestisce funzionalmente le strade di New York City ha un messaggio: gli agenti di polizia sono il nemico.

Non è mai stato così difficile essere un agente di polizia in questo paese, ha detto Lynch.

Lo stesso Trump nel 2016 ha promesso che la polizia non si sarebbe trovata in quella posizione se fosse stato eletto presidente.

Ho un messaggio per ogni persona che minaccia la pace nelle nostre strade e la sicurezza della nostra polizia, ha detto Trump all'ultima convention repubblicana. Quando presterò giuramento l'anno prossimo, ripristinerò la legge e l'ordine nel nostro Paese. Credimi, credimi.

Rudy Giuliani, l'ex sindaco di New York City e alleato di Trump di lunga data, nel suo discorso di giovedì sera ha descritto un paese che manca ancora di legge e ordine. Ha detto che le continue rivolte nelle città americane danno una buona visione di quale sarebbe il futuro dell'America sotto Joe Biden.

È chiaro che un voto per Biden ei Democratici crea il rischio che porti questa illegalità nella tua città, nella tua città, nel tuo sobborgo, ha detto.

Guarda cosa sta succedendo nelle città americane, ha detto il rappresentante repubblicano Jim Jordan durante il programma di lunedì. Città tutte gestite da Democratici: crimine, violenza e governo della mafia.

La moglie di David Dorn, un ufficiale in pensione ucciso a St. Louis, Missouri, ha dato un resoconto grafico di la morte di suo marito , presumibilmente per mano di saccheggiatori di un banco dei pegni.

La violenza e la distruzione non sono forme legittime di protesta, ha affermato. Non salvaguardano le vite dei neri. Li distruggono solo. Il presidente Trump lo capisce, ha offerto un aiuto federale per ristabilire l'ordine nelle nostre comunità. In un momento in cui i dipartimenti di polizia sono a corto di risorse e manodopera, abbiamo bisogno di quell'aiuto. Dovremmo accettare quell'aiuto. Dobbiamo guarire prima di poter effettuare il cambiamento, ma non possiamo guarire in mezzo alla devastazione e al caos.

Raramente sono state menzionate le forze alla base delle proteste di quest'anno. George Floyd, che è stato ucciso da un agente di polizia in un video visto in tutto il mondo, è la ragione di gran parte di quella rabbia - contro il razzismo sistemico, contro le forze dell'ordine che uccidono o mutilano i neri. Trump ha alluso a disordini, saccheggi, incendi dolosi e violenze a Kenosha, nel Wisconsin, nel suo discorso, ma non ha detto la causa: Jacob Blake, un uomo di colore, è stato colpito da sette colpi di arma da fuoco alla schiena da un ufficiale bianco domenica notte.

Molti oratori del RNC hanno cercato di riformulare l'attuale rabbia nazionale contro la giustizia razziale sistemica e la brutalità della polizia in una visione violenta di città in fiamme e folle vendicative che invadono le strade.

Rivolte e rabbia governano le strade, ha detto all'inizio della settimana l'ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Nikki Haley. La California, ha detto Kimberly Guilfoyle, la ragazza di Donald Trump Jr., è diventata una terra di aghi di eroina abbandonati nei parchi, rivolte nelle strade e blackout nelle case. È in gioco la nozione stessa di libertà, ha affermato un candidato repubblicano al Congresso.

Nessun oratore ha illustrato la terribile visione dell'America più chiaramente di Mark e Patricia McCloskey, la litigiosa coppia di St. Louis che è stata accusata di uso illegale di un'arma dopo essere stata filmata mentre puntava le pistole contro i manifestanti di Black Lives Matter che hanno marciato davanti alla loro casa.

I McCloskey usavano il frequente fischio dei cani della RNC dei mob che scendevano su quartieri tranquilli e comunità pacifiche che scendevano nel caos e nella violenza, mentre temevano che i sobborghi venissero aboliti.

Quello che avete visto accadere a noi potrebbe facilmente accadere a chiunque di voi stia guardando dai quartieri tranquilli del nostro paese, ha avvertito Patricia McCloskey.

In una dichiarazione rilasciata da Biden poche ore prima del discorso di giovedì di Trump, l'ex vicepresidente ha osservato che ogni esempio di violenza [Trump] è avvenuto sotto il suo controllo.

Invece di cercare di calmare le acque, aggiunge benzina a ogni incendio, ha detto Biden nella dichiarazione. La violenza non è un problema ai suoi occhi, è una strategia politica. E più ne ha, meglio è per lui.

Non c'è posto per la violenza, il saccheggio o il rogo, ha aggiunto Biden. Nessuno. Zero.

Alla fine, giovedì Trump ha accettato la nomina repubblicana dopo aver raffigurato un Paese ancora in preda al caos. E lo ha fatto concludendo con una promessa quasi identica a quella fatta alla fine del suo primo discorso di ringraziamento nel 2016.

E il 3 novembre, renderemo l'America più sicura, renderemo l'America più forte, renderemo l'America più orgogliosa e renderemo l'America più grande che mai!

Henry J. Gomez ha contribuito con ulteriori reportage per questa storia.

Maggiori informazioni sull'RNC