Secondo quanto riferito, Steve Bannon è stato citato in giudizio per testimoniare nell'inchiesta sulla Russia

Mark Wilson/Getty Images

Bannon a Capitol Hill martedì.



Steve Bannon è stato citato in giudizio la scorsa settimana per testimoniare davanti a un gran giurì nell'indagine del consigliere speciale Robert Mueller sui possibili collegamenti tra i soci di Trump e la Russia, il New York Times segnalato martedì.

Bannon, l'ex presidente esecutivo della campagna del presidente Trump e un tempo capo stratega alla Casa Bianca, è stato recentemente estromesso dalla guida del sito web di estrema destra Breitbart.



Citando una persona a conoscenza diretta della questione, il Times ha riferito che è stata la prima volta che Mueller ha usato un mandato di comparizione del gran giurì, che potrebbe essere una tattica negoziale per convincere Bannon ad accettare di essere interrogato dagli investigatori nel contesto meno formale di il suo ufficio.



L'ufficio di Mueller ha rifiutato di commentare il rapporto.

Sempre martedì, Bannon era a Capitol Hill a testimoniare prima di una sessione a porte chiuse del Comitato di intelligence della Camera. Durante l'intervista volontaria, Bannon è stato citato in giudizio sul posto dal comitato dopo essersi rifiutato di rispondere alle domande relative al suo mandato alla Casa Bianca di Trump, ha confermato una fonte a estilltravel News.

Secondo quanto riferito, Bannon ha citato il privilegio esecutivo e il suo avvocato ha detto al comitato che non avrebbe risposto a nessuna domanda sul suo tempo con la squadra di Trump dopo le elezioni, compreso il suo tempo alla Casa Bianca e nella squadra di transizione, Politico segnalato .



Bannon stava ancora parlando con la commissione alle 19:00 ET, quasi 10 ore dopo l'inizio dell'udienza.