Questa associazione di veterani vuole che Facebook combatta le pagine false che prendono di mira i membri del servizio militare in pensione

Collaboratore AFP/AFP/Getty Images

Durante il secondo giorno di testimonianza al Congresso di Mark Zuckerberg sulla privacy dei dati, il rappresentante dell'Oregon Greg Walden, un repubblicano, ha esaurito il tempo per porre una domanda. Quello che Walden avrebbe chiesto ha toccato le false pagine di Facebook dei veterani: una preoccupazione che i veterani del Vietnam d'America hanno sollevato con lui in precedenza.



In questione ci sono entità straniere che creano pagine e siti Web destinati ai veterani, qualcosa di Kristofer Goldsmith, un alto funzionario delestilltravel Notizie riportateche le più grandi pagine dei nativi americani erano gestite da posti come il Kosovo e il Vietnam. Quelle pagine non solo creavano profili falsi per aiutare a diffondere contenuti, ma vendevano magliette con disegni rubati ad artisti nativi americani.

Stanno solo capitalizzando sulla lotta: è davvero pazzesco, Jared Yazzie, un Navajo che gestisce un'azienda di abbigliamento dei nativi americani in Arizona chiamataguadagnare direttamente dalla piattaformautilizzando gli articoli istantanei.



Più recentemente, La CNN ha riferito che la pagina Black Lives Matter più popolare su Facebook era una truffa. Ha affermato di raccogliere fondi per le cause BLM e ha ricevuto almeno $ 100.000 in donazioni, ma quei fondi sono andati su conti bancari australiani. La CNN ha riferito che Facebook ha rimosso le pagine dopo una settimana di chiamate ed e-mail con i giornalisti. Inizialmente, il gigante dei social media ha affermato che la pagina non violava gli standard della comunità.



Alla domanda sulla pagina BLM, un portavoce di Facebook ha dichiarato a estilltravel News: Abbiamo indagato su questa situazione non appena è stata portata alla nostra attenzione e disabilitato l'amministratore della pagina per il mantenimento di più profili sulla piattaforma. Continuiamo a esaminare la situazione e intraprenderemo le azioni necessarie in linea con le nostre politiche.

Anche la falsa pagina VVA originale ha impiegato due mesi per essere rimossa, secondo il rapporto, e altre sono sorte al suo posto dopo che era stata inattiva. Goldsmith ha detto che Facebook inizialmente pensava che non violasse gli standard della comunità, e solo quando Goldsmith si è reso conto che la pagina falsa utilizzava il logo del marchio VVA che la rete di social media l'ha eliminata.

Facebook ha recentemente introdotto nuove misure volte a eliminare le pagine spazzatura, inclusa la verifica dell'identità e della posizione del proprietario per le pagine di grandi dimensioni. Tuttavia, la società non ha specificato cosa sia considerata una pagina grande o se le nuove informazioni saranno disponibili al pubblico.



Zuckerberg ha riconosciuto durante la sua testimonianza che account falsi e informazioni false su Facebook sono un problema e ha affermato che la soluzione sarebbe arrivata sotto forma di strumenti di intelligenza artificiale. Goldsmith ha detto a estilltravel News di sapere che una soluzione di intelligenza artificiale richiede tempo, ma Facebook potrebbe fare altre cose a breve termine. Un'idea che aveva non era solo quella di chiudere le pagine offensive, ma di trasferire le persone a cui piacevano i falsi sulle pagine vere.

Mi piacerebbe vedere chiaramente comunicato che non chiuderanno solo gli account falsi, ma che lavoreranno in modo proattivo per proteggere la popolazione veterana nel suo insieme, ha affermato Goldsmith.

Teme che i membri anziani di VVA, per i quali Facebook è il principale strumento di comunicazione, possano rimanere isolati se decidono di abbandonarlo. Per molti, specialmente per coloro che vivono con disabilità o che hanno una mobilità limitata nella loro vecchiaia, Facebook è il tessuto connettivo con il mondo esterno.

'Se decidono che non possono fidarsi di Facebook, perdono la connessione non solo con VVA ma con la comunità più ampia', ha detto Goldsmith.