Trump galleggia ritardando le elezioni. I repubblicani dicono no.

Montinique Monroe / Getty Images

WASHINGTON - I massimi leader repubblicani non vogliono prendere parte al suggerimento del presidente Donald Trump di ritardare le elezioni di novembre, una mossa che non ha il potere di fare da solo.



Con il voto universale per posta (non il voto per gli assenti, che è positivo), il 2020 sarà l'elezione più INACCURATE E FRAUDOLENTA della storia, Trump twittato Giovedì mattina ai suoi 84 milioni di follower su Twitter. Sarà un grande imbarazzo per gli Stati Uniti. Ritardare le elezioni fino a quando le persone non potranno votare in modo corretto, sicuro e sicuro???

Il tweet fa parte di un argomento che il presidente ha sostenuto contro il voto per corrispondenza, che è stato ampiamente istituito negli Stati Uniti a causa del coronavirus. Trump, chi? votato per posta quest'anno, ha senza fondamento ha sostenuto che il voto per corrispondenza è maturo per le frodi. La scorsa settimana, il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha definito i lunghi ritardi nel processo di voto per corrispondenza di New York nelle primarie dello stato una catastrofe assoluta, confermando i timori degli esperti di voto e degli strateghi politici che Trump utilizzerà eventuali ritardi nell'invio della posta per mettere in dubbio la legittimità delle elezioni di novembre .



Diversi repubblicani hanno respinto l'idea di Trump di ritardare il voto di novembre, incluso il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, che ha detto a un giornalista della WKNY-TV la data delle elezioni del 3 novembre è scolpita nella pietra.



Anche il senatore Rick Scott, un convinto sostenitore del presidente, non è entusiasta dell'idea. Il senatore Rick Scott non supporta il rinvio delle elezioni, ha detto giovedì a estilltravel News un portavoce del repubblicano della Florida.

La senatrice Lindsey Graham, stretta alleata di Trump, ha fatto eco a un sentimento simile ai giornalisti in Campidoglio, dicendo: non credo che dovremmo ritardare le elezioni. Ritardare le elezioni probabilmente non sarebbe una buona idea. Ma ha aggiunto, penso che potremo votare di persona in sicurezza a novembre.

estilltravel News ha riferito della possibilità che Trump stia cercando di ritardare le elezioni a marzo e ha scoperto che il presidente non può legalmente farlo da solo, nemmeno in mezzo a un'emergenza nazionale. Il Congresso stabilisce gli orari e le date di tutte le elezioni federali, come scritto nella Costituzione degli Stati Uniti. Il Congresso dovrebbe riscrivere la Costituzione, che, se votasse a favore, potrebbe, nello scenario più singolare, spingere le elezioni non oltre il 14 dicembre.



Ma anche un breve ritardo è altamente improbabile senza il sostegno della Camera dei rappresentanti guidata dai democratici, per non parlare dei repubblicani che si sono schierati contro l'idea alla Camera e al Senato.

Le date delle elezioni sono stabilite dal Congresso. E mi opporrò a qualsiasi tentativo di ritardare le #2020Election, twittato Il rappresentante Adam Kinzinger, che in passato è stato critico nei confronti del presidente.

Anche la senatrice Lisa Murkowski, una repubblicana dell'Alaska che è spesso critica nei confronti del presidente, ha respinto l'idea di far saltare le elezioni.

Suo. Lisa Murkowski @lisamurkowski

Non c'è assolutamente alcun motivo per ritardare queste elezioni, e non accadrà. Spetta a noi garantire elezioni sicure e protette, ed è esattamente ciò che ha fatto il Congresso.

04:37 - 30 luglio 2020 rispondere Retweet Preferito



Il senatore Mitt Romney dello Utah ha detto ai giornalisti che il voto per corrispondenza funziona molto bene nel suo stato, dove ha affermato che il 90% degli elettori vota per posta. Ha anche detto che è più facile rivedere le schede cartacee perché si dispone di un registro effettivo, che, ha suggerito, è meno difficile da controllare rispetto alle macchine elettroniche.

Non puoi manomettere la carta, ha aggiunto Romney.

Maggiori informazioni sul rinvio delle elezioni

  • Trump può dire quello che vuole, non può legalmente ritardare le elezioni da soloDomenico Holden 13 marzo 2020